Il cammino dal Def alla legge di stabilità

Gli opinionisti di Mark Up: Giovanni Cobolli Gigli, presidente Federdistribuzione

di Giovanni Cobolli Gigli – Federdistribuzione @federdis

Ancora una volta siamo di fronte a 6 mesi cruciali per il nostro Paese. È un concetto spesso ripetuto, ma la prossima legge di stabilità ha davvero un carattere decisivo, per almeno tre aspetti. Primo: per realizzare i numeri prospettati nel Def il Governo deve ottenere flessibilità dall’Europa. Sarebbe la seconda volta e una terza potrebbe non esserci. Occorre quindi impostare un percorso che poi possa proseguire sulle proprie gambe. Secondo: bisogna trovare concretamente le risorse per eliminare le clausole di salvaguardia, nel 2017 ma anche in previsione del 2018. E anche in questo caso gli interventi dovrebbero essere strutturali, altrimenti l’anno prossimo ci troveremo nella medesima situazione. Terzo: dopo un 2015 di leggera ripresa e, probabilmente, un 2016 in deflazione e a rischio crescita, il contenuto di questa Legge di Stabilità rappresenterà il crinale tra una sorta di limbo di stagnazione e una decisa ripresa. Quale strada seguire? Il driver di sviluppo dovrà essere il rilancio dei consumi, stimolando così la produzione industriale, il reddito d’impresa, investimenti e occupazione. Più soldi alle famiglie ma anche un vero piano che affronti il crac della natalità e riforme e interventi finalizzati a ricreare quel capitale di fiducia nel futuro che si è perso con la crisi e che sta frenando gli acquisti pur in presenza di aumento del potere d’acquisto. Poi occorre rendere più efficiente l’attività d’impresa, per ottenere maggiore produttività e competitività: quindi concorrenza e semplificazioni. Serve una presa di coscienza generale in un contesto in cui regna una superficiale indifferenza. Le risorse? Lotta all’evasione, riduzione della spesa pubblica improduttiva, privatizzazioni.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here