Il fatto che la Coop sei “anche” tu lo si vede nella macelleria halal

Insegne – Clientela italiana e di religione islamica a caccia di occasioni nel nuovo reparto UniCoop Tirreno. (Da MARK UP 187)

Registrati gratuitamente per scaricare il pdf con la versione completa dell'articolo >


1. Coinvolti da Unicoop Tirreno comunità islamica e minareti.it
2. Per la gestione dell'abbattimento e assunzione del personale
3. Consumatori: il richiamo non è ancora consolidato

La presenza di prodotti di macelleria “halal” (ossia permessi dalla tradizione islamica) non rappresenta una novità assoluta nel panorama di vendita della grande distribuzione italiana. Quello che ha contraddistinto, invece, l'inaugurazione degli spazi halal all'interno di due Ipercoop (il primo all'inizio di febbraio a Roma sulla via Casilina; il secondo, circa un mese più tardi, a Livorno) è il modo in cui si è arrivati alla realizzazione di questa nuova iniziativa: attraverso il coinvolgimento attivo delle comunità islamiche delle due città e operando in collaborazione con Minareti.it, l'accesso in rete più autorevole del mondo arabo-islamico italiano.

Il coinvolgimento
Sono stati proprio gli animatori e i promotori del portale a curare la comunicazione più mirata dell'evento, disegnando il logo e traducendo in lingua araba i depliant messi a punto da Coop. Più in generale il progetto è stato chiamato “Halal by Coop” con l'aggiunta del claim “La Coop sei Anche tu”, quindi con l'introduzione della parola “anche” al classico slogan Coop: per rimarcare - come dichiarato da Unicoop Tirreno - “un'iniziativa di apertura verso tradizioni e stili di consumo diversi”. Tutto, compreso lo stordimento degli animali prima dell'incisione della giugulare, è stato concordato con la società ufficialmente certificatrice (la bolognese Ihsam, che in arabo significa perfezione, eccellenza) e con i due imam delegati dalla comunità islamica nella veste di responsabili del rapporto con Ipercoop. Sono incaricati di vigilare sulla correttezza della varie fasi della certificazione, per il corretto rispetto di tutti i dettami della religione islamica, per una macellazione che deve essere eseguita esclusivamente da persone di fede musulmana (scelta che ha riguardato anche il personale assunto nei reparti in questione). Unicoop Tirreno ha anche voluto sottolineare di aver deciso di lanciare questa nuova iniziativa di vendita mirando specificatamente al coinvolgimento attivo della comunità islamica “con lo scopo, in un momento in cui spesso purtroppo prevalgono i toni forti e gli scontri, di cercare il dialogo e la conoscenza per arrivare al rispetto e alla comprensione”.

La provenienza
I prodotti in vendita nei reparti halal - che, sempre secondo Unicoop, provengono da “fornitori Coop, quindi sono garantiti dai continui e severi controlli sanitari, qualitativi ed etici” - riguardano carne di bovino, d'agnello, di pollo e cinque tipi di salumi di origine bovina. Nel particolare, le carni fresche di bovino sono prodotte dalla Irca, macellate nello stabilimento di Ravenna e poi lavorate in quello di Londa, vicino a Firenze; le carni di agnello dal macello comunale di Orvieto, quelle di pollo dagli stabilimenti cesenati di Francesco Amadori e i salumi dalla Ibis di Busseto.

La clientela
Secondo i primi dati raccolti e resi noti da Ipercoop per MARK UP, a Roma i picchi di vendita più alti del reparto si registrano (rispettivamente) nei giorni di venerdì, poi sabato e domenica. Ancora: non è stato finora possibile mettere a fuoco la figura precisa del consumatore-tipo. Nel particolare: se sia netta o meno la prevalenza di clientela musulmana, anche se finora è risultato comunque evidente un approccio deciso e un interesse all'acquisto anche da parte dei consumatori locali, in generale per tutti i prodotti e in modo più marcato per le confezioni di hamburger. I prezzi medi di alcuni prodotti del reparto halal dell'Ipercoop Casilino, se rapportati alla concorrenza data dal pari reparto “classico” di macelleria all'interno dello stesso iper e a quella di un punto di vendita halal esterno nella stessa città (vedi tabella), non si prestano per il consumatore a una facile lettura: una difficoltà senz'altro dovuta - per quanto riguarda il nostro paese - al carattere recente e pressoché sperimentale dell'ancora troppo “giovane” e nuovo canale di vendita.

    Allegati

    187-MKUP-Coophalal
    di Tiziano Marelli / aprile 2010

    LASCIA UN COMMENTO

    Inserisci il tuo commento
    Inserisci il tuo nome