Il post-lockdown degli italiani è un nuovo Rinascimento digitale

Come la pandemia ha cambiato popolazione e target sul versante dei consumi mediatici e dei servizi digitali. I dati Nielsen-Politecnico di Milano

Con l'ingresso nella cosiddetta fase 2 abbiamo varcato la soglia di un Nuovo Rinascimento, che mette al centro non l’uomo tout court, ma l’individuo che colloca il digitale alla base della piramide di Maslow. Queste le parole di Stefano Cini, marketing analytics director di Nielsen Connect Italia, in occasione della presentazione dei risultati dell’Osservatorio Multicanalità 2020 realizzato da Nielsen in collaborazione con la business School del Politecnico di Milano.

 

 

Due le tendenze rilevate che delineano il presente e cambiano il futuro: da una parte l’incremento dei consumi mediatici che coinvolge, con diverse caratteristiche e significati, tutto lo scenario dei mezzi di comunicazione, dall’altra la brusca frenata degli investimenti adv. Ma vediamo dinamiche e numeri nel dettaglio.

Il primo dei fattori a risaltare è quello del tempo speso davanti agli schermi televisivi: l’incremento è omogeneo in tutti i continenti.  Negli Stati Uniti la crescita misurata da Nielsen Global Media del time viewing nelle settimane successive all’inizio del lockdown (il 16 marzo in US) è del + 27%. L’aumento della fruizione e del tempo trascorso guardando la tv aumenta in modo rilevante in concomitanza con l’inizio della quarantena in tutti i paesi in cui Nielsen rileva i Tv Ratings.

 

 

Allo stesso tempo gli investimenti pubblicitari registrano, anche in questo caso in modo omogeneo su scala globale, una brusca frenata nelle stesse settimane (Usa – 11%, UK – 5%, Francia – 29% Paesi Bassi – 15%%, Spagna – 29%, Germania – 6%, Australia – 6%). Una reazione prevedibile. L’advertising si conferma un fenomeno ciclico e la preoccupazione per una possibile recessione è diffusa, sebbene in questa fase l’esposizione ai media da parte dei consumatori sia molto alta su tutte le piattaforme.

In Italia, la tv tradizionale (free to air e pay per view) si dimostra resiliente nonostante le pesanti ripercussioni di questa emergenza sui palinsesti - è infatti sospeso lo sport e molti degli show in diretta. Cresce l’audience media in particolare nelle settimane centrali di marzo e si mantiene in linea con la media degli ultimi mesi la rilevanza sui social network. Il lockdown spinge la diffusione delle offerte in streaming o Video On Demand, tendenza che emerge chiaramente attraverso il volume di commenti sui social network (+140% vs aprile 2019) stimolati proprio da questi contenuti. Ci si riferisce qui sia alle piattaforme “native” digitali (Netflix, Prime Video, Disney+, Tim Vision) che alle declinazioni digital dei broadcaster (Raiplay, Mediaset Play, Infinity, Dplay, Now Tv) che possono beneficiare di cataloghi molto profondi.

In crescita praticamente tutte le categorie dei siti rilevati da Audiweb. In alcuni casi si tratta di variazioni dovute alla contingenza (i siti di news e della pubblica amministrazione ad esempio), ma in molti casi si osserva una impennata nella intensità e numero di utenti unici di categoria che erano già in crescita costante da mesi. Due esempi interessanti sono i siti di web conferencing ed e-grocery. Per ciò che concerne i meeting online più utilizzati per lo smart working, ma anche dal bisogno di socialità a “distanza”, la novità in Italia, come nel resto del mondo, è Zoom che risulta la piattaforma più utilizzata (9,9 mn di utenti, + 1.067% rispetto a  febbraio) seguita da Skype (7 milioni utenti, + 176%) e Google Hangouts (5,6 milioni, + 155%).

Infine, la diffusione dei servizi digitali che hanno coinvolto, per necessità, anche gli italiani evidentemente meno propensi. Il 58% di chi ha fatto la spesa online non aveva mai provato questo servizio e l’83% di questi dichiara che continuerà a farla anche nel post-Covid.

Lo smart working è stato “testato” per la prima volta dal 53% di chi ha lavorato in questa modalità e sarà utilizzato anche in futuro dall’80% di questi. Le scommesse e i casinò online dal 33% e l’89% continuerà a farlo. I preventivi RC auto usati per la prima volta dal 31%, con l’85% che continuerà anche in futuro. Per l’home banking: 26% e 94%. Un numero rilevante quindi di “nuovi utenti digitali” con i quali le aziende avranno la possibilità di aprire un canale di comunicazione da ora in avanti.

Giuliano Noci, professore ordinario di strategia e marketing del Politecnico di Milano, sottolinea:

“In questa fase di emergenza sanitaria ancor di più la marca deve essere in grado di costruire una relazione con i consumatori lungo un customer journey che risulta più lungo, articolato e non esclusivamente finalizzato ad un percorso di conversione. È perciò fondamentale lato aziende, progettare un ecosistema omnicanale basato sulle reali esigenze dei consumatori, conquistare spazi di relazione e fedeltà prima e dopo l’acquisto e infine lavorare sul concetto di intimità della marca, consapevoli che il vantaggio competitivo non passa dall’ottenere la fedeltà del cliente quanto piuttosto nel costruire la fedeltà (dell’azienda) al cliente”.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome