La diversity “paga” sempre di più: ecco le top 20 aziende in Italia

Diversità e inclusione oggi fanno bene business. I numeri sul tema e i casi più virtuosi premiati all'edizione 2020 del Diversity Brand Summit

Numeri e analisi alla mano: un’azienda inclusiva è percepita come più moderna e conquista un maggior livello di fiducia dei clienti. Un’azienda inclusiva ha un mercato più ampio e migliora le performance economiche. Un’azienda inclusiva attrae e coltiva talenti. Un’azienda inclusiva sa comunicare i propri valori a chiunque li condivida.

 

 

Sono solo 4 dei motivi per cui diversity e inclusione nel mondo del business "pagano" e non rappresentano solo un mero valore morale da accantonare in tempi di "new normal". A ricordarcelo anche quest'anno è l'edizione 2020 del Diversity Brand Summit (#DBS2020), evento ideato da Francesca Vecchioni, presidente dell'associazione no profit Diversity, che premia imprese e brand più virtuosi sul tema (sul fondo le 20 top aziende in Italia) in collaborazione con Focus Management.

SETTORI VIRTUOSI E VANTAGGI
Come dimostrano i risultati dell'autorevole ricerca presentata da Sandro Castaldo, professore ordinario all'Università Bocconi e partner fondatore di Focus Management, i brand del retail sono percepiti nel complesso come più inclusivi (Amazon, Carrefour, Coop, Decathlon, Ovs e non solo), mentre rispetto all'analisi degli scorsi anni scompare l'automotive. Migliora, invece, il settore giocattoli.

 

 

"Il 63% degli intervistati sceglie con convinzione brand inclusivi e secondo i dati non ci sono rischi di reputazione per chi sceglie di investire su diversity e inclusione, perché non si rileva passaparola negativo (detrattori)", sottolinea Castaldo.

"L'inclusione porta un beneficio anche quando si usa come criterio nella scelta dei partner legati alla filiera", sottolinea Marco Bottucci, partner di Asset e lecturer Sda Bocconi. Cercare fornitori coerenti con la policy di diversity aziendale produce infatti un vero e proprio "effetto domino" che risale la filiera stessa e crea meccanismi sinergici e vantaggiosi per tutti i comparti aziendali, marketing compreso.

I VINCITORI DEL DIVERSITY BRAND AWARDS 2020
Passando ad esempi virtuosi, ecco nella grafica i "campioni" di diversity 2020 e a seguire i premiati.


 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome