La grande distribuzione è leader nelle gallerie commerciali

Urbanistica, real estate & cci 2010 – Acquista forza il ruolo dei formati più leggeri: superstore e mini-iper. (Da Urbanistica, Real Estate & Cci 2010)

Registrati gratuitamente per scaricare il pdf con la versione completa dell'articolo >

1. Gallerie Commerciali Italia, Gallerie Commerciali Bennet e Igd, i tre leader in Italia nel mall property

2. Ipercoop e Carrefour le insegne più presenti come magneti alimentari dei centri commerciali

3. Auchan e Bennet: quando Gd e developer corrispondono


Nelle quattro pagine che seguono ripubblichiamo due interviste già uscite su MARK UP n. 184 alle
pagg.108-109 e n. 188 alle pagg.154-155, rispettivamente a Gallerie
commerciali Bennet e Gci-Gallerie commerciali Italia, i due leader
naziona
li nel settore degli shopping centre. Uno dei
motivi di questa scelta è che sia Bennet sia Auchan, insieme con Il
Gigante, Finiper ed E.Leclerc-Conad, sono le uniche realtà nazionali
contrassegnate dai seguenti fattori:
1. coincidenza in un unico soggetto imprenditoriale del duplice ruolo di grande
distribuzione e developer;
2. capacità operativa in tutte le fasi della filiera: Auchan e Bennet promuovono i centri commerciali, partendo dal terreno e dal concept fino allo sviluppo, e alle attività tipiche della gestione e della commercializzazione;
3. capacità innovativa (energie alternative, design, nuovi servizi).
È sul punto 3) che emergono le differenze maggiori, perché Gci rispetto a Bennet è più orientata alla sperimentazione di soluzioni up-to-date, in termini di concept e design, ma soprattutto di utilizzo di tecnologie verdi per la produzione di energia. Insomma, Bennet è più tradizionale, ma non per questo meno brava e gradita ai consumatori. Un’altra grande differenza riguarda la diffusione geografica: Gallerie commerciali Italia e dunque Auchan è una realtà che si può definire quasi nazionale, con forte presenza nelle regioni
del Sud dove realizza oltre il 58% del fatturato delle sue gallerie. Non può mancare un riferimento anche a Igd-Immobiliare grande distribuzione Siiq, per la quale rimandiamo il lettore a MARK UP n. 187 alle pagg. 148-149. Igd, controllata da Coop Adriatica e Unicoop Tirreno, è molto impegnata sul côté dell’investment (è la prima, e finora unica, Siiq italiana), anche se è ben presente nello sviluppo, ma andrebbe confrontata più con una property company che con un promotore della Gd.
A livello di insegne-magneti, nei centri commerciali dotati di ancora alimentare a insegna Ipercoop e Carrefour si contano oltre 7.100 punti di vendita, cioè quasi un quarto (esattamente il 24%) di tutti i punti di vendita all’interno dei centri commerciali riportati da MARK UP. Questo dato conferma la presenza numericamente trainante della grande distribuzione come principale magnete alimentare dei centri commerciali, al netto di fenomeni pur importanti e impattanti sulle performance complessive delle medesime insegne: per esempio, la criticità delle grandi superfici alimentari (ipermercati,
soprattutto con superficie superiore a 8.000 mq) e l’avanzata di due formati, il superstore e il piccolo ipermercato (Esselunga, Interspar, Iperfamila, Iperstanda/Billa superstore, Iper Simply), numericamente non dominanti, ma prospetticamente molto più adattabili ai cambiamenti delle condizioni economiche del paese.
Più difficile stimare il fatturato dell’industria dei centri commerciali. Limitandoci ai cen tri di dimensione medio/grande (Gla => 20.000 mq), e ipotizzando una produttività al metro quadro di 4.500 mq, i 222 shopping centre elencati dovrebbero generare teoricamente un giro d’affari di 32 miliardi di euro, con una resa media per insediamento pari a 142 milioni di euro.
I centri commerciali con Gla inferiore a 20.000 mq sono 763, e nel complesso dovrebbero produrre vendite stimabili fra 36,5 e 43,2 miliardi di euro, ipotizzando una redditività al mq ancorata a due parametri: 5.500 e 6.500 euro al mq: i centri più piccoli tendono a realizzare valori più elevati.
Nel caso dei centri commerciali inferiori a 20.000 mq la resa per insediamento è più bassa (da 48 a 57 milioni di euro).

Allegati

La grande distribuzione è leader nelle gallerie commerciali
di Roberto Pacifico / giugno 2010

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome