Reputation Awards Italia, Esselunga prima nel largo consumo

Sul podio Ferrari, Ferrero e Bmw, mentre colossi dell'online come Amazon, Google e Facebook perdono posizioni rispetto allo scorso anno

Appuntamento con i Reputation Awards, che anche per il 2019 ha classificato le aziende con la migliore reputazione in Italia. L'analisi Italy RepTrak 2019 del Reputation Institute rileva per il nostro Paese una reputazione complessivamente implementata nell'ultimo anno: il valore medio – nella scala definita dall’istituto – si attesta infatti sui 69,3 punti, tornando vicino alla media del 2016 (69,6 punti), dopo il peggioramento registrato nel 2018.

 

 

Al vertice del ranking 2019 si posiziona Ferrari, seguita da Ferrero, che le cede il primo posto del 2018. Medaglia di bronzo per Bmw Group, che scala ben 13 posizioni rispetto allo scorso anno. Risalita notevole anche per Bosch (dal 30° al 10°), Rolex (dal 21° al 6° posto), Salvatore Ferragamo (dal 25° all’ 11°), Netflix (18° in risalita di 24 posizioni) e Nintendo, che recupera 38 posizioni passando dal 58° al 16° posto.

Reputazione a ribasso, invece, per i giganti della rete come Google, Amazon e Facebook, che perdono nel complesso 17 posizioni. Guardando ai retailer del largo consumo, al top si posiziona Esselunga con una reputazione di 76,4 punti (su 100) che le valgono il 22° posto. Seguono sempre per la gdo Conad (51°), Lidl (77°), Coop (81°), Auchan (97°) ed Eurospin (99°).

 

 

Lo studio del Reputation Institute rileva inoltre come oggi nella scelta d’acquisto, il prodotto “valga” sempre meno, ovvero il 33%. Pur rimanendo infatti un fattore importante, quest'ultimo ha perso ulteriormente la capacità di porsi come fattore distintivo tra due competitor. Per risultare vincenti, dunque, le imprese devono valorizzare il loro heritage, unico elemento non replicabile dalla concorrenza, che secondo le stime di Reputation Institute incide per il 67% sulla scelta del consumatore.

A conferma di questa evidenza, la Italy RepTrak rileva anche che la reputazione cresce al crescere della qualità della conoscenza dell’azienda: nella valutazione dell’indice RepTrak Pulse score la differenza tra bassa e alta conoscenza di un’azienda vale quasi 19 punti, conquistando +4,7% di persone a supporto dell’azienda. Nel 2019 rimane poi centrale il tema del “ruolo sociale”, ma assume sempre più importanza un atteggiamento sul fronte corporate che guidi l’azienda in modo corretto, sostenibile e con una visione a lungo termine.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome