Leroy Merlin: i requisiti della casa ideale per gli italiani

Osservatorio sulla Casa Leroy Merlin
Nel 2019 la spesa media per la ristrutturazione di una o più stanze dell’abitazione è stata di 8.919 euro, con un incremento del 38% sull’anno precedente

Secondo quanto sottolineano i risultati dell’Osservatorio sulla Casa 2019, da un’indagine condotta da Habitante e promossa da Leroy Merlin su un campione di oltre 2000 individui rappresentativo della popolazione italiana, più della metà degli italiani (53%) ha effettuato lavori di ristrutturazione per necessità dovute ad un cambiamento dello stile di vita (famiglie allargate, coppie separate, single che ospitano sposati, coppie omosessuali e divorziati soli). Le nuove esigenze, però, non sono solo legate all’ambito strettamente affettivo ma anche al maggiore dinamismo professionale: lo smart working cresce e, rispetto al 2018, aumenta lo spazio domestico dedicato al lavoro (che coinvolge oltre 6 milioni di abitazioni).

 

 

Nel 2019 il 66% degli italiani ha svolto almeno un’attività di ristrutturazione o manutenzione nella propria abitazione con un investimento economico medio pari a €8.919 (€ 2.500 in più rispetto al 2018).

Le principali voci di spesa:

  • l’imbiancatura delle pareti (49%)
  • la manutenzione degli impianti idraulici (29%)
  • l’acquisto degli arredi per il bagno (25%)
  • l’acquisto del mobilio per la cucina (23%).

Gli ambienti interni sono quelli maggiormente interessati da opere di manutenzione e ristrutturazione; il bagno è la stanza della casa più coinvolta (33%), seguita dalla cucina (27%), dalla sala e dalla camera da letto (24%). In fatto di manutenzione e ristrutturazione, si registra una fiducia alta negli specialisti del settore, con una percentuale pari al 66% degli intervistati che si affida ad artigiani o ad imprese specializzate, dato in ulteriore crescita rispetto al 2018 quando la percentuale si attestava al 58%. La maggior parte delle persone che si affida ad un esperto ha un’età superiore ai 55 anni, mentre i Millennials tendono a svolgere i lavori da soli o in compagnia (41%).

 

 

Qual è la casa ideale? Sono cinque gli aspetti su cui gli intervistati si concentrano quando si parla di casa ideale: la casa attenta alla salute, la casa comoda da vivere, la casa che fa risparmiare, la casa rispettosa dell’ambiente e la casa smart, orientata cioè alla tecnologia, intelligente e innovativa.

Siamo molto soddisfatti dei risultati emersi da questa edizione dell’Osservatorio che vede l’abitante sempre più protagonista e predisposto a costruire la propria casa intorno a sé. Si evidenzia infatti la volontà degli italiani di vivere la casa, che deve cambiare insieme a chi la abita” commenta Stefania Savona, direttore marca e comunicazione Leroy Merlin Italia.

Federico Stecchi, direttore market team pavimenti, rivestimenti e sistemazione Leroy Merlin Italia, sottolinea: “Come Leroy Merlin osserviamo attentamente questi nuovi fenomeni sociali legati al rapporto con la casa, anche attraverso l’incontro diretto e costante con gli abitanti italiani, modulando la nostra offerta per intercettare i bisogni dei nostri clienti nel contesto fisico e digitale”.

Il contest La Casa di domani

Leroy Merlin ha anche promosso e organizzato il premio di idee La Casa di domani con focus sulla stanza da bagno ideale rivolto ai giovani progettisti ed architetti in tutto il mondo. Sul podio tre studenti internazionali: Laila Magdy, proveniente da Alessandria d’Egitto (primo posto in classifica), seguita da Annie Trinh di Lovanio (Belgio) e Carlos Vazques di Tijuana (Baja California).

La crescita negli anni di questo progetto, il primo Osservatorio sulla Casa nato nel 2013, ci consente di avere una overview di come si sono evolute le tendenze e i bisogni degli italiani legati alla Casa. E ancora, grazie alla fama internazionale che oggi ha l’Osservatorio, quest’anno il contest ha visto la partecipazione di studenti provenienti da tutto il mondo, che hanno così portato una visione più ampia e cosmopolita, quanto mai interessante sia per Leroy Merlin sia per i partner che sono entrati a far parte della ricerca” spiega l’azienda.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome