Luca Ruini è il nuovo presidente Conai

Eletto all'unanimità dal nuovo consiglio di amministrazione del Consorzio nazionale imballaggi. Sarà in carica per il triennio 2020-2022
Luca Ruini

Luca Ruini è il nuovo presidente di Conai. Lo ha eletto ieri all’unanimità, durante la sua prima riunione a Milano, il nuovo consiglio di amministrazione del Consorzio Nazionale Imballaggi, che aveva già designato i nuovi consiglieri lo scorso 6 luglio a Milano in occasione dell’Assemblea annuale.

 

 

Ruini prende il testimone da Giorgio Quagliuolo: sarà presidente per il triennio 2020-2022.

Profilo. Emiliano d’adozione, 55 anni, è già stato membro del consiglio di amministrazione Conai dal 2002 al 2008 e dal 2011 al 2017, operando su tutti i tavoli coinvolti nella definizione del sistema italiano di gestione del Packaging Waste e guidando il gruppo di lavoro Prevenzione. Laureato in ingegneria elettronica all'Università di Bologna con indirizzo microelettronico-gestionale, dal 2008 Ruini è direttore sicurezza, ambiente & energia del Gruppo Barilla.

 

 

Sono stati eletti vice presidenti del Consorzio Angelo Tortorelli, in rappresentanza della componente degli utilizzatori commerciali e distributori, e Domenico Rinaldini, in rappresentanza della componente produttori.

CONAI
Istituito dal Decreto Ronchi del 1997, Conai opera senza fini di lucro e rappresenta oggi la risposta delle imprese a un problema di interesse collettivo come quello ambientale, garantendo l’avvio a riciclo o a recupero energetico dei rifiuti di imballaggio su tutto il territorio nazionale. Nel 2019 il sistema consortile ha permesso di avviare a riciclo il 70% dei rifiuti di imballaggio: un totale di 9 milioni e 560mila tonnellate sui 13 milioni e 655mila immessi al consumo. Se alle cifre del riciclo si sommano quelle del recupero energetico, le tonnellate di rifiuti di imballaggio recuperate superano gli 11 milioni, quasi l’81% dell’immesso al consumo.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome