Lusso pronto al rimbalzo 2021 sulla scia di 5 trend dominanti

Il prossimo anno per il lusso personale prevista una ripresa del 14% di media grazie a un'accelerazione di alcune dinamiche del mercato

Nonostante l'usuale resilienza di questo mercato, anche per il lusso globale nel 2020 è prevista una flessione tra il 20 e il 22% causa Covid-19 e una perdita di circa il 60% dei profitti del 2019. Per i beni di lusso personali (moda, gioielleria, accessori, cosmetica), in particolare, il calo stimato è intorno al -23%.

 

 

Questo quanto emerso dal 19° Osservatorio Altagamma, che presenta i dati dell’Altagamma Consensus per il 2021 e dell’Altagamma-Bain Worldwide Market Monitor 2020.

 

 

Le prospettive per il 2021, tuttavia, sono decisamente più rosee, con ritorno ai livelli pre-crisi per il 2022/2023. Le stime parlano di una ripresa di circa il 14% di media per tutte le categorie di prodotto del lusso personale. La crescita maggiore è per la pelletteria (+16%), per cui si prevede un sostanziale ritorno ai livelli 2019. Positive anche le previsioni per la cosmetica (+15%), mentre risulteranno meno dinamici abbigliamento e calzature (+14%), nonché gioielli e orologi (+12%).

Il consolidamento del retail digitale (+22%) e del mercato cinese (+18%) saranno in particolare i campioni uscenti dalla crisi. Bene anche il wholesale digitale (+18%) e il retail fisico, per il quale si prevede un +15%.

Nel dettaglio, a trainare la crescita sarà soprattutto l'accelerazione di alcune importanti tendenze di mercato già in atto, ovvero:

1 - Crescita dei consumi locali, guidati dall’arresto dei flussi turistici 
La Cina rimane l’unico mercato in crescita nel 2020 (+45% rispetto al 2019), grazie al forte aumento dei consumi locali. L’Europa registra un calo peggiore (-36% rispetto al 2019), dovuto alla maggiore esposizione al turismo globale, mentre l’America una riduzione del -27%, in ripresa nella seconda parte dell’anno. I consumatori Europei e Americani hanno dimostrato una forte resilienza durante l’anno, nonostante i lunghi periodi di chiusura dei negozi.
2 - Ricambio generazionale 
Le generazioni più giovani  contribuiranno al 180% della crescita del mercato nei prossimi anni e rappresenteranno nel 2025 più dei 2/3 del totale. In particolare, la Generazione Z, grazie ad abitudini di acquisto e valori distintivi, contribuirà fortemente ad influenzare l’evoluzione futura del mercato del lusso.
3 - Esplosione digitale 
Nel 2020 il canale online raddoppia il suo peso sul mercato del lusso (dal 12% nel 2019 al 23% nel 2020), grazie soprattutto al canale diretto dei brand del lusso, alla performance registrata in Asia (Cina in primis) e alla forte crescita di categorie quali le scarpe e i cosmetici. Si stima che al 2025 il canale peserà più del 30% del valore di mercato.
4 - Trasformazione dell’ecosistema distributivo
Battuta d’arresto nel 2020 del canale fisico “brick and mortar”, sia diretto (-21%) che indiretto (-40%); i negozi fisici diretti dovranno essere ripensati mettendo al centro il consumatore: ridefinizione del loro ruolo, revisione del footprint, maggiore contenuto esperienziale e nuova ergonomia del negozio. Su canale wholesale, ci si attende un’ulteriore contrazione di perimetro e una maggiore pressione dovuta all’entrata di nuovi player e modelli distributivi, che porteranno un maggiore controllo diretto del canale da parte dei brand del lusso.
5 - “Stessi” prodotti, contenuti “aumentati”, “trasmissione” più ampia
Con la ricerca di rilevanza di prezzo aumenta quella dei prodotti entry-price, cambiando in particolare il segmento “accessibile” del mercato del lusso. I brand del lusso passano dall’essere solo “produttori” a diventare sempre più “emittenti” tramite l’interazione con il pubblico, con un approccio di piattaforma aperta dove ognuno può contribuire al dialogo.

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome