Made in Italy diventa Family nel periodo di emergenza

Imprenditori italiani e non riuniti per mettere a disposizione gratuita riflessioni e consulenza per la ripartenza dell'Italia

Nasce Made in Italy Family, iniziativa di “filantropismo professionale” adeguata al periodo del tutto inedito che l'industria italiana si trova ad affrontare, sul mercato domestico come su quello internazionale. Si tratta dell'ultima elaborazione di Lorenzo Zurino, presidente
dell’Italia Export Forum e giovane imprenditore impegnato nell’Export Made in Italy. Un gruppo di imprenditori e manager italiani decide di prestare una parte del proprio tempo ad altri colleghi in difficoltà in questo particolare momento storico. L'iniziativa è promossa dal Forum Italiano dell’Export (IEF), fondato dal giovane imprenditore Lorenzo Zurino, e associazione che raccoglie le migliori menti in ambito imprenditoriale e consulenziale italiane in giro per il mondo.
Uomini e donne d’impresa, dirigenti d’azienda, professionisti e rappresentanti delle Istituzioni che hanno deciso di mettere a disposizione il loro tempo anche per chi – nel pieno dell’emergenza Covid-19 e anche dopo - si trova in difficoltà: altri colleghi d’impresa, alle prese con i problemi delle loro aziende, che hanno bisogno di un contatto diretto
con chi è in grado di fornire pareri e consigli, indicazioni operative, informazioni affidabili, valutazioni di mercato e previsioni, oppure semplicemente condividere le impressioni su una situazione del tutto eccezionale.

 

 

Zurino spiega: “Il Covid19 sta obbligando il mondo a fermarsi, ha costretto ognuno di noi dentro i metri quadrati delle nostre case. Lo può fare, non ce lo aspettavamo, ma lo ha fatto e lo farà ancora. La staticità è però solo delle gambe, non del cuore. È da queste
considerazioni che ho pensato di chiedere ad una serie di amici imprenditori, manager, consulenti italiani di alto livello di mettersi in gioco direttamente”.
Aggiunge l'imprenditore: “In questi giorni assistiamo da un lato allo svolgersi di un dramma mondiale, dall’altro allo snocciolarsi di indicazioni, previsioni, analisi, numeri, consigli di fronte ai quali ognuno di noi si ritrova senza punti di riferimento. Costretti a stare distanti, abbiamo bisogno della vicinanza di altri esseri umani. È una condizione che vale anche e soprattutto per il lavoro”.

Da qui l’idea di Made in Italy Family. I tanti imprenditori e manager che hanno raccolto l’invito di Zurino di mettersi al servizio di altri colleghi, fondando il team Made in Italy Family, si può affermare cautelativamente rappresentino un giro d’affari che supera i 30 miliardi di euro e più di 25mila occupati, con sedi e stabilimenti in giro per il mondo.
Solo per citarne alcuni: Andrea Benetton (Ceo di Cirio Società Agricola srl), Maria Fiorini Ramirez (President and Ceo of Maria Fiorini Ramirez, Inc.), Len Adams (Ceo of Adams Consulting Group LLC di New York), Alessandro Gajano (Tesoriere Banco do Brasil di New York), Giordano Riello (Ceo NPLUS srl Famiglia Riello), Mario Gasbarrino (ex Ceo Unes e Viaggator Goloso e cda di Cortilia Spa, cda di EVERTON Spa), Giorgio Santambrogio
(Ceo Gruppo Vegè), Vito Cannillo (Ceo di Forza Vitale), Luca Silla (ex Dirigente di Simest - Senior Advisor Studio Fiorini), Giuseppe Ambrosio (Console Onorario nel Principato di Monaco di Saint Vincent e Grenadines), Riccardo Graziano (Segretario Generale Ente per il Microcredito Italiano).
“La squadra di persone che partecipa a Made in Italy Family -dice ancora Zurino- si è appena composta ma è sempre aperta a nuovi ingressi, a patto di rispettare solo due condizioni: mettere a disposizione gratuitamente una parte del proprio tempo da dedicare ad altri imprenditori e manager, porsi con un atteggiamento che lasci da parte tutti i formalismi possibili”.
Semplice il meccanismo. È possibile accedere a Made in Italy Family dal sito
https://italianexportforum.it/madeinitalyfamily/ che contiene le video testimonianze con cui chi ha finora aderito all’iniziativa si presenta e propone un suo personale punto di vista sulla situazione. Attraverso il sito è quindi possibile chiedere un contatto diretto con i componenti di Made in Italy Family, fruendo di questa positiva sinergia e, magari,
diventando a propria volta un nuovo membro della Family.
Zurino poi precisa: “Non vogliamo certo sostituirci alle istituzioni e nemmeno alle associazioni d’impresa e di settore. Il nostro obiettivo è solo creare una rete di persone d’impresa che si aiuta a vicenda. Andrà tutto bene è un’affermazione che serve come unguento per il cuore, serve a cristallizzare la speranza. Ma non basta”, dice ancora Zurino che aggiunge: “Mente e cuore devono continuare a vivere. E per noi Italiani questo è facile.
L’Italia è un grande Paese. E lo sta dimostrando. Anche con chi, italiano, fa grande l’Italia ed è pronto a mettere in comune esperienze, consigli concreti, circolarità delle informazioni e previsioni. A nostro parere sono queste le armi per combattere questa guerra e provare a vincerla”.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome