Mercato pubblicitario ancora in miglioramento

L’apporto del mese di settembre (+3,8%) favorisce la ripresa degli investimenti e lascia intravedere una fine dell’anno in crescita per quasi tutti i mezzi.

Un incremento del 3,8% per il mercato degli investimenti pubblicitari in Italia. Questo il valore registrato da Nielsen nel mese di settembre, che rispetto allo stesso periodo 2014 vede i primi 9 mesi dell’anno arrivare un complessivo +1%, se si stima la parte di web non monitorata, e a un calo dell’1,6% se si considera solo il perimetro rilevato.

“Gli ultimi due mesi hanno favorito una significativa ripresa del mercato, grazie a un apporto complessivo di circa 32 milioni di euro” - ha dichiarato Alberto Dal Sasso, Advertising Information Service Business Director di Nielsen. “Alla luce di questo consolidamento del trend, stimiamo che tutti i mezzi, a eccezione di stampa e direct mail, possano chiudere in crescita i mesi che ci separano dalla fine dell’anno, impattando positivamente sull’andamento generale del mercato 2015”.

Media pubblicitàIn relazione ai singoli mezzi, la tv cresce del 6,6% nel singolo mese, portando il periodo cumulato gennaio – settembre a -1,6% e confermando la tendenza di avvicinamento a quota zero anche per il resto dell’anno.

Stampa. Tornano in terreno negativo i quotidiani, che registrano un mese di settembre a -3,6% e chiudono i nove mesi a -7,3%, così come i periodici, in perdita del 3,9% per lo stesso periodo. Ancora male il cinema, con -14,8% nel singolo mese e -2,3% nel cumulato, e il direct mail (-1,8% a settembre, -3,6% nei 9 mesi).

La radio continua a distinguersi per performance positive: +10,2% a settembre e +10% nel periodo consolidato, mentre internet, relativamente al perimetro attualmente monitorato, cresce del +4,6% nel singolo mese di settembre (+4,6%), riducendo a -1,3% il decremento sui nove mesi del 2015

Continua l’ottimo momento dell’intero mondo dell’out of home che, sempre trainato da Expo, chiude in terreno positivo a gennaio - settembre: outdoor a +4,1%, transit a +19,4% e out of home TV +9,5%.

settoriPer quanto riguarda i settori merceologici, se ne segnalano 11 stabili o in crescita, con un apporto di circa 91,1 milioni di euro. Per i primi comparti del mercato si registrano andamenti differenti nei 9 mesi del 2015: alla crescita di alimentari (+4,9%, circa 27,3 milioni) e farmaceutici (+5,1%, circa 11,2 milioni), si contrappongono i cali di finanza / assicurazioni (-6,4%, circa 14,5 milioni), automotive (- 1,5%, circa 6,2 milioni) e telecomunicazioni (-10,7%, circa 28,3 milioni). I maggiori apporti alla crescita arrivano da servizi professionali (+20,9%), enti / istituzioni (+10,4%), gestione casa (+8,2%) e oggetti personali (+3,8%).

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here