Bnp Paribas Real Estate, Cbre, Yard, sono fra i principali consulenti tecnici in una delle più importanti transazioni immobiliari del 2019: il trophy asset di Piazza Cavour 2 a Milano, lo storico Palazzo dell'Informazione

Si sa tutto di questa mega operazione, tranne l'acquirente, definito genericamente come società privata. Bnp Paribas Real Estate Advisory Italy (di seguito Bnp Paribas RE) e Cbre hanno assistito il Fondo Atlantic 1 gestito da DeA Capital Real Estate Sgr S.p.A. (di seguito DeA Capital RE) nella vendita del trophy asset Palazzo dell’Informazione, edificio storico di Milano, in Piazza Cavour 2. La transazione presenta un valore di 175 milioni di euro.

 

 

Con una Gba di circa 24.700 mq, l’edificio multi-tenant si sviluppa su 8 piani fuori terra e 2 piani interrati, è prevalentemente occupato da uffici con spazi di grado A, affittati a società nazionali e internazionali specializzate nei settori finanza e consumer service, e ospita unità retail e palestra ai piani terra e interrato. Le aree comuni sono state oggetto di completa ristrutturazione nel 2010.

L’immobile si trova in una posizione decisamente strategica, al centro tra due dei più importanti distretti uffici di Milano, il Cbd e il Porta Nuova Business District, a pochi passi dal Quadrilatero della moda, ed è ben servito dai mezzi pubblici, metropolitana in primis (fermata Turati e Monte Napoleone della linea 3).

Investitori esteri alla ricerca dei trophy asset

"Uno dei fattori più rilevanti di questa transazione è stato l’elevato interesse che questo asset ha suscitato sul mercato internazionale dei capitali -dichiara Daniele Martignetti, responsabile capital markets di Bnp Paribas RE-. Interesse che si è tramutato in una forte competizione da parte di equity core provenienti da differenti parti del mondo. Ancora una volta a sottolineare come Milano sia considerata a tutti gli effetti una delle destinazioni più appetibili e sicure del panorama europeo".

"Questa rilevante transazione conferma il fortissimo interesse da parte di investitori di tipo core, sia domestici che esteri, verso immobili trophy siti in permanent locations all’interno del centro di Milano e certifica l’importanza del corridoio Turati/Moscova a connessione ed inclusione dei due principali business district della città" aggiunge Alexandre Astier, managing director capital markets di Cbre Italy.

Fra gli advisor, oltre a Bnp Paribas Re e Cbre, anche Yard, gruppo indipendente specializzato nella consulenza e gestione integrata dei servizi immobiliari, che ha assistito Fondo Atlantic 1, fondo di investimento alternativo immobiliare di tipo chiuso, gestito da DeA Capital RE, e quotato sul segmento Miv di Borsa Italiana. Il team di Yard guidato da Raffaella Canali, due diligence director, ha agito in qualità di advisor tecnico di DeA Capital RE., nella due diligence finalizzata alla cessione dell’immobile di Piazza Cavour 2 a Milano, più noto come Palazzo dell’Informazione, acquisito da una società privata (che Yard non menziona nel suo comunicato) al valore di 175 milioni di euro, oltre imposte di legge, un prezzo superiore del 34% rispetto al valore iscritto nella relazione di gestione di Fondo Atlantic 1 al 31 dicembre 2018.

Rapida descrizione architettonico-immobiliare dell'edificio

L’operazione è una delle più importanti transazioni su singolo asset nel mercato immobiliare italiano. Il Palazzo dell'Informazione, in piazza Cavour, sede storica del Giorno di Enrico Mattei, più che un edificio, più che un palazzo, è un'icona della città, una monumentale testimonianza dell'architettura novecentesca razionalista e modernista (la costruzione risale al 1939-1940, commissionata da Benito Mussolini su progetto dell'architetto Giovanni Muzio), sede dei giornali più importanti di Milano (e d'Italia), a partire dal Popolo d'Italia per passare attraverso il Giorno, ad altre testate nazionali, come la Repubblica e La Stampa: per farla breve, era soprannominato il Palazzo dei Giornali.

L'ex Palazzo dell'Informazione (che affaccia prevalentemente su piazza Cavour e sulle adiacenti vie Vecchio Politecnico e Senato) è costituito da due corpi principali: quello prospiciente piazza Cavour si caratterizza per la facciata monumentale e simmetrica interamente ricoperta di marmo vicentino. I primi tre piani sono formalmente raccordati dall’ordine gigante dei pilastri. L’ingresso centrale è impreziosito dal soprastante balcone in porfido e dal grande bassorilievo, entrambi opera di Mario Sironi, autore anche del grande mosaico intitolato Il lavoro fascista (1936-1937), oggi all’interno dell’edificio con il titolo modificato in L’Italia corporativa, e la cui parte centrale era stata presentata alla VI Triennale di Milano nel 1936.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome