Monini, riparte il concorso ‘Le api e l’olio’

In partnership con LifeGate, l'oleificio spoletino raddoppia il numero di api 'adottate' nel Gargano donando all’apicoltore 10 nuove arnie antivarroa. Ogni bottiglia di Monini Extra Vergine Bios acquistata e iscritta al concorso contribuirà a tutelare 100 api

Prosegue la campagna di Monini a tutela delle api. Dopo il successo dell’anno scorso, l’oleificio rilancia insieme a LifeGate, il concorso “Le api e l’olio”  con lo scopo di raddoppiare la tutela dei preziosi insetti, che in tutto il mondo sono a rischio di estinzione, arrivando ad 'adottarne' 500 mila.

 

 

L’azienda conferma il suo sostegno all’Apicoltura Carpinese, confinante con gli uliveti biologici di Monini situati nel cuore del Gargano, in Puglia, dove si produce il Bios di Monini, l’Extravergine biologico 100% Italiano, che proprio per la sua elevata qualità, ottenuta nel rispetto dell’ambiente, ha vinto premi e riconoscimenti in tutta Europa.

L’obiettivo dell'oleificio spoletino per quest’anno è tutelare 500 mila api donando all’apicoltore 10 nuove arnie dotate di fondo antivarroa, un parassita molto diffuso in Italia che minaccia la vita degli insetti. Un impegno reso possibile grazie al fondamentale apporto scientifico di LifeGate, azienda punto di riferimento sulla sostenibilità in Italia, da anni impegnata nella salvaguardia delle api tramite il progetto Bee my Future.

 

 

Dal 22 febbraio al 30 giugno i consumatori possono partecipare alla campagna con l'acquisto di una bottiglia di Monini Extra Vergine Bios. Monini, senza aggiungere nulla al prezzo abituale, per ogni acquisto e partecipazione al concorso, contribuirà concretamente a tutelare 100 api del Gargano per un anno. La partecipazione  avviene registrandosi sul sito di Monini  e inserendo i dati dello scontrino; a seguito di ciò il consumatore ottiene anche un attestato di adozione da condividere sui social e la possibilità di partecipare all’estrazione finale di una delle 15 forniture annuali  di questo olio biologico made in Puglia. E naturalmente miele da apicoltura biologica,  quello delle 'proprie' api, con tanto di nome personalizzato sul vasetto.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome