Novartis fa cultura sulla spondilite anchilosante attraverso i farmacisti

Nelle farmacie del territorio aderenti all’iniziativa, sarà disponibile un reumatologo per consulti personalizzati e materiale informativo dedicato

Torna, anche quest’anno, la campagna ‘Sai se hai la SA Scegli il tuo futuro’ promossa da Novartis, e sviluppata per dare ai cittadini l’opportunità di avere informazioni sulla spondilite anchilosante (SA) dalla figura professionale più consona - il reumatologo - nel luogo di riferimento della salute all’interno delle città: la farmacia: “E’ partito proprio in questo mese di sensibilizzazione sulla spondilite anchilosante il progetto ‘Reumatologo in farmacia’ ulteriore capitolo di informazione della campagna SaichelaSA – racconta Angela Bianchi, country head of communications & pharma patient advocacy Novartis -. Alcune farmacie italiane tra Lombardia, Piemonte, Lazio, Campania, Emilia Romagna e Sicilia metteranno a disposizione dei loro clienti uno specialista in reumatologia e materiale informativo specifico per rendere visibile questa patologia nascosta e accorciare i tempi di diagnosi e trattamento”. Per supportare l’iniziativa Novartis ha anche coinvolto, nelle varie realtà locali, le istituzioni dei farmacisti (Federfarma e Fofi) oltre ai distributori di zona.

 

 

Il percorso diagnostico-terapeutico di chi soffre di spondilite anchilosante è piuttosto complicato, con continui rimandi dal medico di medicina generale all’ortopedico, dall’osteopata al neurologo, prima di arrivare dal reumatologo e dare un nome alla propria condizione e trovare una cura efficace. Un ritardo della diagnosi che oscilla tra i 7 e gli 8 anni, come evidenziato dai risultati del sondaggio Emas (European Map of Axial Spondyloarthritis). Secondo questa ricerca, inoltre, il 74% delle persone affette da SA intervistate, dichiara di avere difficoltà a trovare un lavoro a causa della malattia, il 62% di aver sofferto di un disagio psicologico, con un rispondente su tre che ha manifestato ansia e/o depressione.

In Italia, la spondilite anchilosante colpisce più di 40.000 persone. È una patologia dolorosa e spesso progressivamente invalidante, causata da un’infiammazione della colonna vertebrale che può determinare danni irreversibili. Si tratta di una malattias che colpisce maggiormente i soggetti giovani di sesso maschile e di età superiore ai 25 anni. Fino al 70% dei pazienti che soffrono della forma severa di SA sviluppa, nel corso di qualche anno, fusione dei corpi vertebrali con significativa riduzione della mobilità della colonna.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome