Per Spumador un profondo rinnovamento affidato a Matteo Thun

Beverage Acque –

Il gruppo comasco Spumador
ha deciso un significativo
restyling della propria gamma
ampliatasi di recente a nuovi segmenti
del beverage. Per quanto
riguarda il comparto delle acque,
le due novità riguardano i marchi
Valverde e S. Antonio. Il rifacimento
di Valverde è stato affidato
a Matteo Thun partito dall’idea
di disegnare una forma iconica,
di capire qual è la vera essenza di
un oggetto e rinunciare al superfluo.
Nella nuova bottiglia l’acqua
è in primo piano, con la sua
trasparenza e purezza. Semplicità
e leggerezza caratterizzano
la grafica dell’etichetta principale
e del suo collarino, elementi che
sembrano galleggiare sospesi nel
liquido. La forma del contenitore
è classica e animata da un profilo
sinuoso appena accennato. Di
impatto invece è stata la scelta dei
Per Spumador un profondo rinnovamento affidato a Matteo Thun
vividi colori (verde acido, turchese
e fucsia) per indicare le differenti
proposte (frizzante, leggermente
frizzante e naturale). Sono stati
impiegati toni decisi e insoliti per
questo tipo di prodotto, così come
il tipo di carta utilizzata. La parte
posteriore dell’etichetta è infatti
metallizzata, dettaglio che conferisce
distintività e modernità al
prodotto.

“L’identità visiva complessiva
della bottiglia - spiega Thun - è
così caratterizzata da semplicità
ed eleganza, ma con un connotato
molto forte: il nome Valverde non si legge soltanto sul
fronte dell’etichetta, ma anche
sul suo retro, attraverso l’acqua”.
Il designer ha così potuto realizzare
il suo progetto: una bottiglia
che prende forma dall’acqua. Per
quanto riguarda il brand S. Antonio,
il restyling ha rivoluzionato
l’etichettatura lasciando praticamente
invariati la forma e il colore
della bottiglia di vetro.

L’etichetta del nuovo imballo ha
semplificato la propria geometria
assumendo tratti rettilinei. Il lettering
del logo è stato reso più efficace
e d’impatto.

Il paesaggio policromatico che
prima occupava la posizione centrale
dell’etichetta ora è stato reinterpretato
e stilizzato con i colori
che contraddistinguono le varianti
di gamma.
È inoltre scomparso il bollino che
sovrastava l’etichetta.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here