PwC, i Ceo sono ottimisti sull’aumento del fatturato nei prossimi anni

La Annual Global CEO Survey di PwC su 148 Ceo del Retail provenienti da 48 paesi e 210 Ceo del settore Consumer Goods di 61 paesi, illustra le sfide che dovranno affrontare, in un quadro economico e di mercato nel quale la tecnologia trasforma le attese di consumatori e "stakeholder".

I Ceo (Chief executive officer: l'equivalente, more or less, del nostro amministratore delegato o direttore generale) delle aziende che operano sui mercati dei beni di largo consumo (retail & industria) vedono il futuro con occhiali rosa e quindi previsionalmente positivi: il 45% dei Ceo del Retail e il 40% dei Ceo del Consumer Goods sono certi che il fatturato della loro impresa aumenterà nei prossimi 12 mesi, rispetto al 35% del dato totale.
Tra i rischi politici, sociali ed economici, i Ceo dei settori Retail e Consumer Goods temono soprattutto la paralisi da eccesso di regolamentazione, la volatilità dei tassi di cambio, l’aumento del carico fiscale, l’instabilità sociale e la (non sufficiente) disponibilità di competenze chiave. In linea con la visione positiva sopra descritta, il 45% degli intervistati vede più opportunità di crescita oggi rispetto al 2013.
Sono alcuni dati emersi dall'indagine PwC (Annual Global CEO Survey) estesa a 148 Ceo del settore Retail provenienti da 48 paesi e 210 Ceo del settore Consumer Goods di 61 paesi. PwC ha analizzato le sfide che queste aziende dovranno affrontare, in un quadro economico e di mercato nel quale la tecnologia trasforma le attese di consumatori e "stakeholder".

Internet: diffusione settuplicata in 15 anni
Tra 2000 e 2015 la penetrazione di Internet è aumentata di quasi 7 volte, dal 6% al 43% della popolazione mondiale. La diffusione della banda larga per cellulari è 12 volte maggiore rispetto al 2007, e attualmente il 69% della popolazione mondiale è raggiunta dalla rete 3G. La tecnologia ha cambiato drasticamente il modo di pensare e agire dei consumatori, e per questo le imprese dei settori Retail e Consumer Goods stanno affrontando cambiamenti radicali.
Il fattore più dirompente per l’industria è rappresentato dall'eCommerce. I clienti richiedono un accesso semplice e sempre disponibile ai servizi e utilizzano Internet in fase di ricerca, comparazione e acquisto. Non stupisce, quindi, che il 77% dei Ceo del settore Retail e il 73% di quelli del settore Consumer Goods affermino di essere preoccupati per il cambiamento nella spesa e nel comportamento del consumatore.
“L’arena competitiva dell’industria sta profondamente cambiando -commenta Erika Andreetta, Retail and Consumer Consulting Leader PwC- abilitando nuovi modelli di business che anche in Italia stanno emergendo, come Amazon Prime Now, il servizio  di consegna entro un’ora, o Supermercato 24 che consente la spesa online attraverso molteplici retailer con consegna entro 24 ore. Questi cambiamenti suscitano numerosi interrogativi per i player del settore, uno dei quali è: cosa accadrà agli assortimenti dei nuovi retailer?”.

Priorità dei Ceo
In cima alle priorità –per il 71% dei Ceo del Consumer Goods e il 64% dei Ceo del Retail-  troviamo la gestione della volatilità dei prezzi delle commodity, che influisce sulle azioni delle aziende lungo l’intera catena del valore.
I Ceo prendono sempre più in considerazione le esigenze degli stakeholder globali. I clienti sono in cima all'elenco delle priorità: gli orientamenti della domanda stanno evolvendo insieme all'intreccio dei cambiamenti tecnologici, demografici e dell’economia globale. Aumenteranno le pressioni sociali sulle imprese per un comportamento etico e responsabile: il 58% dei Ceo Retail e il 67% dei Ceo Consumer Goods sono d’accordo sul fatto che la responsabilità sociale dell’impresa avrà una posizione centrale nelle scelte dei prossimi 5 anni.

Social Media: funzione di ascolto
Gli strumenti di social media listening sono un canale chiave per conoscere le priorità degli stakeholder: oltre il 30% degli intervistati crede in questi strumenti come valido meccanismo di coinvolgimento del consumatore. Altre tecnologie ritenute utili per rispondere alle esigenze del consumatore sono l'analisi dei dati (70% Retail, 64% Consumer Goods) e i sistemi di customer relationship management (71% Retail, 69% Consumer Goods).
“La nostra indagine -conclude Erika Andreetta- conferma come i Ceo del settore Retail e Consumer Goods abbiano priorità molto diverse rispetto al passato, focalizzate su opportunità che derivano dall’innovazione tecnologica, in termini di offerta al cliente, comunicazione con il consumatore e mission aziendale. I clienti, dal canto loro, hanno nuove abitudini di consumo, con la generazione millennials che ricorre agli strumenti mobili in ogni fase, dalla ricerca del prodotto, alla comparazione, sino all’acquisto”.

 

No items found

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome