L’impresa resiliente e la business continuity ai tempi del Covid19

data management consigli
Seminario di approfondimento on demand: come utilizzare servizi remoti per la gestione dei data center, garantire la cyber security e reperire risorse It in un contesto di pandemia

Resiliency services: resilienti con IBM ai tempi del COVID19

 

 

Seminario on demand con Claudio Frignani, Certified Executive IT Specialist - IBM Italia

REGISTRATI PER SEGUIRE IL SEMINARIO ON DEMAND

Dopo la fase di contenimento, con l'ingresso nella “nuova normalità” (fase 3) della socialità e delle attività di business, si è innescato un processo di incremento e sviluppo della digitalizzazione e quindi del numero e livello di servizi It. Inoltre, il rischio pandemico prima del Covid ritenuto poco probabile dalle imprese, deve essere completamente rivalutato: nel futuro potrebbero accadere altri fenomeni di lockdown. Una prospettiva che richiede di ripensare e riconsiderare le modalità con cui si erogano e gestiscono i servizi It, in particolare i servizi di resiliency.

Intro:

Il fenomeno Covid19, con il conseguente lockdown, ha generato rilevanti problematiche di accessibilità ai data center per le attività di gestione dei dati che richiedono la presenza fisica degli addetti. A questo si è aggiunta la difficoltà nel reperimento di risorse IT per rispondere alle nuove esigenze dello smart working. Il distaccamento della forza lavoro da remoto, ha impattato sul workflow dei servizi It ma non in modo omogeneo. Alcune imprese (in funzione del settore di pertinenza e della tipologia di attività), ne hanno registrato una riduzione fino all’azzeramento, altre un incremento con picchi che spesso hanno mandato in crisi i sistemi esistenti. Le imprese, durante la fase 2 dell’emergenza pandemica, hanno attuato piani per affrontare l’attuale fase 3 che rappresenta la “nuova normalità”. Tuttavia, questa evoluzione delle capacità di resilienza delle imprese, richiede un attento studio delle criticità e delle esigenze presenti e future.

Content

Il seminario entra nel merito delle problematiche connesse alla business continuity e alla resiliency che le imprese devono raggiungere. In particolare, le principali problematiche affrontate durante il lockdown sono state:

  • Mobilità delle persone, sostanzialmente azzerata con difficoltà di accedere ai data center e ai sistemi che permettono la gestione e il monitoraggio dei servizi it.
  • Impatto sulla supply chain, sia in termini di gestione dei picchi del workflow sia in termini di provisioning di device It per far lavorare le persone da casa.
  • Difficoltà nel reperire risorse di computazione e di storage per gestire i picchi di workflow.
  • Rallentamento dei progetti di modernizzazione It legati alla difficoltà del rifornimento delle componenti necessarie.
  • Incremento degli attacchi informatici. (+15% di attacchi al sistema sanitario).

Le attività bloccate o rallentate in modo rilevante durante il lockdown hanno coinvolto i processi di backup e il trasferimento dei media storage in luoghi sicuri, nonché tutto ciò che è attinente ai sistemi di disaster recovery. Una strategia utile è incrementare l’utilizzo del cloud per le seguenti attività, temi che il seminario affronta:

  • Backup as a Service
  • Disaster Recovery as a Service
  • Cyber Recovery as a Service
  • Revisione dei piani di continuità

REGISTRATI PER SEGUIRE IL SEMINARIO ON DEMAND

Durata del webinar: circa 25 minuti

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome