Retail & PayTech: dal balzo in avanti nel retail alla fusione Nexi-SIA

Agosto 2020 segna un +4,4% per il retail nell’Eurozona, mentre sul fronte PayTech nasce “Gruppo Nuovo”, campione europeo nel settore dei pagamenti digitali

A fronte dello spettro, sempre più reale, di una seconda ondata pandemica che metterebbe definitivamente in ginocchio sistemi socio-economici già provati e precari, la giornata del 5 ottobre 2020 ha portato con sé alcuni segnali positivi che, volete o nolente, in economie così fortemente interconnesse tra loro, hanno un impatto l’un con l’altro.

 

 

Anzitutto, in sede di Eurogruppo, si è definito un approccio generale  sulla strategia da seguire nei prossimi mesi in materia economica. In tale contesto, ciò che appare chiaro è che, come ha assicurato l’irlandese Paschal Donohoe, presidente dell’Eurogruppo, un ritorno alle regole del Patto di stabilità "non è imminente”. Sulla stessa lunghezza d’onda, il commissario all'Economia Paolo Gentiloni ha specificato che  “La traiettoria della politica fiscale nel 2021 dipenderà dalla traiettoria del virus” e che le misure fiscali per affrontare l'emergenza e preparare la ripresa “probabilmente dovranno convivere”, facendo sì che “agilità e flessibilità saranno la chiave per disegnare e implementare le politiche fiscali per il 2021”.

Nel corso della giornata, poi, sono stati resi noti da Eurostat i dati relativi al commercio al dettaglio per il mese di agosto 2020 che, basandosi sul Retail Trade Index, ovvero sull’indicatore che mostra l'attività mensile del settore retail in termini di valore e volume, ha registrato un + 4,4% nell'Eurozona, e di +3,8% nell'Ue-27, rispetto a luglio, quando era diminuito dell'1,8% nell'euro-area e dell'1,2% nell'Ue nel suo complesso.

 

 

© Eurostat

Fortemente interconnesso alle vendite vi è, per ovvie ragioni, il mondo dei pagamenti, per cui la novità all’orizzonte è alquanto interessante.  Infatti, Nexi S.p.A., la PayTech italiana dei pagamenti digitali, e SIA S.p.A., società hi-tech europea leader nei servizi tecnologici e nelle infrastrutture di pagamento, controllata da Cassa Depositi e Prestiti (CDP), ha annunciato la sottoscrizione di  un memorandum of understanding (MoU) avente a oggetto l’integrazione dei due gruppi da realizzarsi tramite la fusione per incorporazione di SIA in Nexi.

Tale operazione ha portato alla nascita di “Nuovo Gruppo”, che sarà una nuova PayTech italiana leader in Europa, che si dichiara capace di coprire l’intera catena del valore dei pagamenti digitali e di servire tutti i segmenti di mercato rifacendosi ad una gamma di soluzioni innovative: dai servizi di accettazione dei pagamenti digitali per i grandi e i piccoli merchants, a sofisticate soluzioni per l’omnicanalità e l’e-commerce, dall’emissione e gestione delle carte di ogni tipologia alle app di pagamento mobile, dalle soluzioni per i pagamenti digitali B2B all’open banking, dalle soluzioni per il trasporto pubblico locale alle reti interbancarie ed ai servizi di clearing e trading per le principali istituzioni italiane e internazionali, e così via.

“Nuovo Gruppo” si presenta, quindi, come un player del PayTech con le potenzialità di un nuovo campione europeo nel settore dei pagamenti digitali con ricavi aggregati pro-forma 2019 per 1,8 miliardi di euro e un EBITDA aggregato pro-forma pari a un miliardo di euro.

Dall’integrazione dei rispettivi business di Nexi e SIA, altamente complementari, il Nuovo Gruppo mira ad offrire un ampio portafoglio di soluzioni best in class sviluppate interamente in house e di essere più competitivo in termini di innovazione digitale, tecnologia ed efficienza, requisiti fondamentali per poter supportare l’intero sistema bancario e dei pagamenti digitali in Italia e in Europa in qualità di partner strategico e indipendente.

Dalle parole dell’Amministratore Delegato di SIA, Nicola Cordone, emerge come “L’integrazione di due importanti gruppi hi-tech come SIA e Nexi permetterà di creare, grazie al ruolo fondamentale e al sostegno di CDP, un unico, grande player italiano dei pagamenti digitali leader in Europa, con un bagaglio di know-how, persone e competenze a livelli di eccellenza mondiale. Questa operazione contribuirà ad imprimere un’ulteriore spinta al percorso di digitalizzazione del nostro Paese verso una cashless society. Ciò rispecchia la missione che stiamo portando avanti, con orgoglio, impegno e dedizione, da oltre 40 anni, mettendo cittadini, imprese, istituzioni finanziarie, banche centrali e pubblica amministrazione al centro della rivoluzione dei sistemi di pagamento”.

A sua volta, Paolo Bertoluzzo, Amministratore Delegato di Nexi, ha commentato l’iniziativa sottolineando come “Questa operazione darà vita a una grande PayTech italiana leader in Europa, una grande eccellenza tecnologica e digitale con scala e competenze che le consentiranno di giocare un ruolo sempre più da protagonista in Italia e a livello internazionale in un mercato, come quello europeo, in forte consolidamento. La nuova PayTech, grazie al suo ruolo indipendente e all’ingresso di CDP nell’azionariato come anchor investor, potrà proseguire nel suo percorso di crescita come grande public company italiana e contribuire in maniera ancor più determinante, insieme alle sue Banche partner, all’accelerazione della diffusione dei Pagamenti Digitali in Italia e alla digitalizzazione e modernizzazione del nostro Paese, a beneficio di cittadini, imprese e Pubblica Amministrazione. La combinazione di due team straordinari come quelli di Nexi e SIA, che vantano le migliori risorse e competenze nel campo della tecnologia e dell’innovazione digitale in questo settore a livello internazionale, rappresenta un punto di forza per lo sviluppo di soluzioni sempre più avanzate a beneficio di tutte le Banche partner e di tutti gli altri clienti. Credo che questa iniziativa debba essere motivo di orgoglio per le persone di Nexi e di SIA e che rappresenti una grande opportunità per tutti”.

In termini generali, il panorama dei pagamenti digitali nel retail rappresenta sempre più un nodo nevralgico da tenere a mente. La stessa Commissione europea, lo scorso 24 settembre 2020, ha presentato un complesso pacchetto di nuove norme volte a definire il panorama digitale dell’UE, tra cui figurano il Digital Finance Package e  la nuova strategia per il mercato dei pagamenti digitali nel retail (Retail Payment Strategy). Quest’ultima, in particolare include significativi interventi nel campo dei pagamenti istantanei, pagamenti avviati tramite la scansione di QR code, contactless, CBDC (Central Bank Digital Currency), Identità Digitale, ecc. il tutto nella previsione di revisione della PSD2 e in un orizzonte che lascia intravedere una possibile nuova PSD3. Nuove evoluzioni in materia saranno, quindi, prevedibili a breve.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome