Sono le donne il target dei tradizionali comparti maschili

Tra automotive e banking qualcosa è cambiato. Così le categorie a sfondo tradizionalmente alfa sono diventate responsabilità d'acquisto femminile (da Mark Up n. 253)

L’attitudine  di  base  con  cui  le  donne  affrontano  spese tipicamente considerate maschili, come l’auto, i servizi finanziari, le dotazioni tecnologiche in famiglia e le bevande alcoliche è cambiata. Oggi la porzione di target direttamente responsabile dell’acquisto di questo tipo di prodotti è rilevante e crescente. Non a caso il tema è sulla scrivania di molti direttori marketing. Se ritenete di aver finito le nicchie all’interno del vostro macro-target e cercate nuove fonti di business, provate a cambiare prospettiva e cercate tra le donne. Per farlo occorre ragionare in modo più sofisticato, partendo dal genere, che è e rimane una variabile segmentante efficace per il marketing, per poi arricchirla con altre variabili di tipo psicologico, sociale e di utilizzo. Una delle derive dell’attuale  comunicazione  di  marca,  infatti,  è  che  da  un  lato rincorre interessi e passioni dei propri utenti, dimenticando il concetto di genere; dall’altro semplifica e immagina il target in rosa o azzurro a seconda delle categorie. Si tratta di un approccio di business semplificante e rassicurante, che spesso e volentieri non trova riscontro nemmeno nella quotidianità di coloro che lo adottano. Guardando alla loro vita privata, gli stessi marketer di settori come automotive e banking possono infatti facilmente constatare quanto le rispettive figlie, mogli e compagne intervengano attivamente nelle conversazioni sul tema, esprimendo pareri che si rivelano altamente influenti. Un caso emblematico di brand che è riuscito ad avvicinarsi progressivamente a questo segmento è quello di Lancia, la cui quota di acquirenti femminili sul totale supera il 70%. Nell’ambito di un percorso riuscito, tuttavia, anche il brand automobilistico è incappato in un errore di social media marketing che dimostra come le stesse donne siano sempre più determinanti non solo in ambito acquisti, ma anche per il successo o meno di campagne dedicate anche al pubblico maschile. Nel corso dei recenti Europei di  calcio  di  Parigi,  Lancia  ha  promosso  la  campagna #IlCalcioDelleDonne, accompagnandola con un tweet che recitava: “Ragazze, non preoccupatevi. Vi spiego io come funziona una partita”. Le numerose reazioni indignate della community rosa non si sono  fatte  attendere,  tanto  da  portare  il  marchio  a  eliminare il tweet. L’episodio, che difficilmente avrà scalfito la relazione tra Lancia e il suo pubblico di riferimento, evidenzia come tra comunicazione mirata  e  gaffe  esista  una  linea  che  è  facile  sorpassare se si intrattiene con il target una conversazione a sfondo stereotipante. Il web ci ha insegnato da tempo  come  personalizzazione  significhi  prima  di  tutto cercare una relazione con le motivazioni d’acquisto o di fruizione più rilevanti. Non basta, e spesso è dannoso, interpretare questo valore con dichiarazioni di intenti ad personam e rivolte solo al target di riferimento, occorre invece puntare al bisogno.

L'intero articolo su Mark Up n. 253

No items found

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome