Sta evolvendo il ruolo del brand anche nel mercato del vitivinicolo

Focus vino Asset intangibili – All’interno di Un confronto fra due culture di vendita del vino a livello internazionale

Di seguito il testo dell'articolo. Registrati gratuitamente per scaricare il pdf con la versione completa

1. Gli estate wine sono
contrapposti
ai branded wine

2. Risultato di un
approccio secolare nei
paesi europei incalzato
dai neoproduttori
extracontinentali

Il brand nel mondo del vino è
sempre esistito. Esso è tradizionalmente
legato a fattori di
carattere territoriale, organolettico e culturale. O alla semplice
esigenza di distinguere un
prodotto rispetto a quello della
concorrenza.

Esistono essenzialmente due
culture del vino. Quella legata
agli “estate wine”; vini di prestigio
e qualità medio-alta, con
produzione limitata e caratterizzati
da forti influenze regionali
nonché spiccato senso di territorialità.
E quella dei “branded
wine”; vini internazionali nello
stile che mancano di senso di
appartenenza a un determinato
territorio e si differenziano, non
per le caratteristiche intrinseche
del prodotto, ma per l’intensa
attività di marketing che generalmente
li accompagna.
La prima corrisponde alla cultura vitivinicola italiana e francese.
Nazioni storicamente
legate alla produzione, al consumo
e all’esportazione di
vino. Le seconda rappresenta
invece aree che solo in tempi più
recenti si sono avvicinate a questa
bevanda, quali, per esempio,
l’America e l’Australia.

*Icm Advisors

 

Allegati

Sta evolvendo il ruolo del brand anche nel mercato del vitivinicolo.pdf

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here