Unilever punta sul gelato made in Italy: acquistato Grom

Il gigante anglo-olandese, proprietario di brand come Algida e Carte d’Or, ha comprato l’azienda nata nel 2003 a Torino e che conta oggi 67 punti di vendita.

A tutti coloro che già si preoccupano che Grom – il gelato come una volta –  abbia venduto ad Unilever anche la propria eccellenza qualitativa, il co-fondatore dell’azienda Guido Martinetti risponde rassicurando che la produzione resterà a Torino e gli ingredienti arriveranno sempre dal biologico di Mura Mura.

il_gelato_grom_diventa_olandese-620x413Questo il quid made in Italy del brand lanciato a maggio 2003 con il primo punto di vendita nel capoluogo piemontese.  Oggi, con le sue 67 gelaterie, Grom ha fatto letteralmente gola alla multinazionale anglo-olandese, che ha scelto di implementare il valore iconico di un vasto portfolio dove figurano  marchi come Algida, Magnum e Carte D’Or.

grom-martinetti-small-535899_0x410
Guido Martinetti e Federico Grom

L’acquirente, un big da 50 miliardi di euro di fatturato con sede a Rotterdam e a Londra, darà così ulteriore impulso al business di Martinetti e Federico Grom, che oggi fattura 30 milioni di euro. Ai due italiani resteranno comunque deleghe operative a livello gestionale.

Probabilmente, Unilever incorporerà anche Gromart, la spa torinese cui fa capo la catena, che si può a buon diritto definire internazionale grazie ad alcuni negozi che arrivano anche oltreoceano (New York) e in Giappone (Tokyo).

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here