Vino italiano: domani è un altro giorno

Francesca Benini sales & marketing director Civ & Cantine Riunite @francescabenin9

Dopo il record di 7 miliardi del 2021 delle esportazioni di vino italiano (+12%), un +4% delle vendite di vino nel canale moderno in Italia e un +22% nel canale fuoricasa, il 2022 si è presentato con un quadro di grande incertezza. In Italia le vendite in gdo (dati Iri) di vino, nei primi 5 mesi, si sono contratte del 9,6% e quelle degli spumanti del 10%: anche il prosecco, che rappresenta circa il 53% a valore del comparto degli spumanti, ha avuto una contrazione dell’11%. Cresce invece l’export, che nei primi tre mesi registra un incremento fra il +12% e il +15% a valore sul 2021 e fra tutti spiccano le bollicine.

Quello che si evince in Italia e all’estero è che i retailer stanno facendo fino a ora aumenti contenuti rispetto ad altre categorie e che il consumatore si sta orientando verso la fascia premium e i vini icona. Di conseguenza il mainstream rappresentato dai vini basic sta soffrendo più di altri posizionamenti. Cresce, inoltre, il vino mixato, tra spritz, altri cocktail a base di vino e ready to drink in bottiglia; fra i criteri di scelta l’origine, il prezzo e poi i fattori green, conseguenza di una maggiore attenzione alla sostenibilità. Ma si fa spazio anche la bassa gradazione alcolica, mentre la marca della cantina conta più o meno quanto il consiglio del sommelier o del negoziante.

Guardando ai trend per i prossimi anni, si stima la crescita dei vini da vitigni autoctoni e di quelli biologici e sostenibili. Ma si teme nel breve termine una maggiore oculatezza negli acquisti di vino, per la minore disponibilità di spesa. Gli aumenti arriveranno, quali saranno gli impatti sui risultati dell’anno in corso?

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome