Walmart soffia l’India ad Amazon: la strategia eCommerce

Il colosso del retail statunitense si è aggiudicato con un accordo il 77% del big dell'eCommerce indiano Flipkart, segnando un vantaggio netto sul territorio. La guerra con Bezos continua così nei mercati emergenti

A stretto giro dalla cessione della catena inglese Asda, che aveva acquistato nel 1999 per 10,8 miliardi di dollari, Walmart mette a segno la sua operazione più impegnativa di sempre con un accordo per acquistare il 77% di Flipkart, leader dell'eCommerce in India. Un patto da 16 miliardi di dollari che vede il retailer statunitense soffiare l'acquisto all'acerrimo competitor Amazon, interessato a sua volta a conquistare l'emergente mercato asiatico.

 

 

La battaglia tra i due player, che si stanno avvicinando progressivamente l'uno al core business dell'altro (Amazon nel fisico e Walmart nell'online) prosegue così su suolo internazionale con una strategia di gioco d'anticipo, guardando a quei territori dove le quote sono promettenti e ancora tutte da sviluppare. Come confermato infatti dal chief executive Doug McMillon alla stampa statunitense:

L'India è un mercato prioritario per noi. Ci stiamo attivando per il posizionamento futuro della company. Daremo priorità agli investimenti che generano nuove vendite e profitto.

L'approccio di Walmart all'eCommerce è sempre più impegnato e in costante evoluzione. Su suolo statunitense la faccenda è poi particolarmente complessa e aggressiva (secondo quanto riportato dalla Bbc Amazon in Usa ha il 44% del mercato eCommerce). Tra le azioni messe in campo dall'insegna di tradizione brick&mortar lo scorso anno per rispondere al competitor l'acquisizione di Modcloth, catena di abbigliamento online per donne (per Amazon la moda è un settore core), così come l'alleanza con Google per incrociare i prodotti del retailer e la tecnologia Google Assistant.

Nel frattempo, Walmart e Uber in Usa hanno annunciato la fine della loro partnership per la consegna della spesa a domicilio da giugno 2018. La delivery continuerà quindi ad essere assolta dagli altri alleati di Walmart come Deliv, DoorDash Inc. e Postmates Inc. Si vocifera anche di una possibile acquisizione mirata che potrebbe garantire al retailer di svolgere le consegne per conto proprio.

Come riporta Bloomberg, inoltre, nel 2018 Walmart sarà impegnato ad estendere il servizio di grocery online ad altri mercati a stelle e strisce per rubare quote ad Amazon.com Inc., il network di negozi di generi alimentari di Instacart Inc. e Target Corp.

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome