City Life, partnership tra Generali e Sonae Sierra

City Life Milano (di proprietà Generali Real Estate), è famoso per le Tre Torri (Hadid-Isozaki-Liebeskind). Lo "shopping district" che verrà realizzato con Sonae Sierra aggiungerà un motivo in più di attrazione a un progetto molto (forse troppo) focalizzato su business e uffici

CityLife è uno dei più estesi progetti di riqualificazione urbana con destinazione d’uso mista, a livello nazionale ed europeo. Si trova nel quadrante nord-ovest di Milano, in un’area prima occupata dalla Fiera Campionaria. Il progetto comprende la più vasta zona pedonale di Milano e una delle più ampie in Europa, con viabilità stradale interamente sotterranea. Rispetto ai rinati quartieri Garibaldi-Varesine, l'unico dei 10 megaprogetti di riqualificazione urbana che interessano la città di Milano, ad aver raggiunto non solo il completamento, ma anche il successo in termini di affluenza e generale gradimento, City Life ha un po' sonnecchiato in questi ultimi anni: il cittadino milanese che non si occupa di mattoni e progetti tutti i giorni associa CityLife solo, o quasi esclusivamente, ai tre grattacieli, e soprattutto al grattacielo "barzotto", detto anche "Lo Storto", firmato da una delle tre archistar, Zaha Hadid. Il ritardo dei lavori, l'assenza di magneti brillanti al di là dei soliti uffici (nella fattispecie, le sedi dei gruppi assicurativi Generali e Allianz, ospitati nelle tre Torri), e un profilo comunicativo non proprio di risonanza bandistica hanno messo un po' la sordina a City Life.

Attualmente in fase di completamento, City Life si sviluppa su un’area di 36,6 ettari con un mix di destinazioni bilanciato: 3 grattacieli iconici per uffici (totale di 130.000 mq che ospiteranno oltre 9.000 persone), disegnati dagli architetti internazionali Zaha Hadid, Arata Isozaki e Daniel Libeskind; 530 unità residenziali già completate e consegnate e appunto lo shopping district.

La decisione da parte di Generali Real Estate, la società di asset management immobiliare del Gruppo Generali, e Sonae Sierra, specialista internazionale nel settore dei centri commerciali, di sviluppare CityLife Shopping District, potrebbe aggiungere un motivo in più di interesse non strettamente immobiliaristico a questo progetto.

Sonae Sierra fornirà tutti i servizi professionali necessari per le fasi di sviluppo e di costruzione e si occuperà inoltre dell’asset e property management dello shopping district dopo l’apertura.

CityLife Shopping District

L'inaugurazione di CityLife Shopping District è prevista nel 2017. Sarà una galleria commerciale di due piani progettata dallo studio Zaha Hadid Architects collegata, attraverso una Piazza creata da One Works, a una galleria commerciale pedonale “open air”, progettata dallo Studio Mauro Galantino, che, a sua volta, collega il cuore del progetto con l’area residenziale circostante e con la città.

Con un bacino di utenza di circa 700.000 abitanti e 32.000 metri quadrati di superficie lorda affittabile (Gla), la struttura offrirà un mix commerciale di 100 unità tra negozi, ristoranti, servizi, spazi per intrattenimento e tempo libero. Lo Shopping District prevede anche un cinema multisala con 1.200 posti a sedere e un centro fitness e benessere. Sarà collegato a tutti i servizi di trasporto pubblico, inclusi bus, tram e metropolitana tramite la fermata Tre Torri della Linea Lillà (M5). Un parcheggio sotterraneo con oltre 900 posti auto sarà a disposizione dei visitatori.

Profilo (in pillole) di Generali Real Estate

Generali Real Estate (GRE) è una delle principali società di asset management immobiliare nel mondo con oltre 27 miliardi di attivi. Il portafoglio di GRE è costituito da un complesso di immobili storici e moderni distribuiti in Europa Continentale, Regno Unito, Asia e Stati Uniti.  GRE è parte del Gruppo Generali, una delle 50 più grandi società del mondo secondo Fortune e una delle più importanti compagnie assicurative globali con quasi 80.000 dipendenti al servizio di 72 milioni di persone assicurate in oltre 60 Paesi.

Un riassunto su CityLife: l'area pedonale più grande di Milano

CityLife (società controllata al 100% da Gruppo Generali), lo abbiamo detto, ma repetita iuvant, è il progetto di riqualificazione dello storico polo urbano della Fiera di Milano. Si estende su 366.000 mq, una delle aree di intervento urbanistico più grandi d’Europa. Hanno collaborato tre archistar (Zaha Hadid, Arata Isozaki e Daniel Libeskind) che rappresentano il richiamo iconico principale di collegamento tra opinione pubblica e progetto (e questo è un po' un limite). Eppure CityLife è un intervento complesso: comprende servizi privati e pubblici, tra cui appartamenti, uffici, un’area commerciale e il secondo parco pubblico più ampio del centro di Milano, oltre al primo Campo pratica di Golf d’Europa in centro città. Cuore dell’area sarà il Business and Shopping District costituito dalle famose tre torri e dalla piazza Tre Torri con negozi, servizi, ristoranti ed entertainment affacciati sul Parco. Le residenze sono di classe A e prevedono l’utilizzo di fonti di energia rinnovabili, mentre le tre Torri hanno già ottenuto la pre-certificazione LEED  Gold. Inoltre, sarà l’area pedonale più grande di Milano, grazie alla scelta di spostare viabilità e parcheggi sotto livello terra.

A proposito di Torri, si è svolta alcuni giorni fa la cerimonia di avvio del getto delle fondazioni della Torre progettata da Daniel Libeskind, la terza torre di CityLife che, insieme alla Torre Allianz progettata da Arata Isozaki e alla Torre Generali progettata da Zaha Hadid, andrà a costituire il Business District di questa nuova area della città di Milano. Il getto di fondazione della torre è durato 34 ore consecutive fino alle 3 di domenica 29 novembre. In cantiere sono arrivate 650 betoniere che hanno riversato circa 6.000 metri cubi di calcestruzzo.

CONDIVIDI
Articolo precedenteParmalat dona colazioni al Banco Alimentare
Articolo successivoPerron nuovo presidente di Assobirra
Seguo soprattutto il retail e l'immobiliare commerciale, con sporadiche incursioni su industria e marketing. Scrivo anche di letteratura e musica (ma this is quite a different story...)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here