Le abitudini di consumo attuali favoriscono il mercato dei biscotti

Grocery biscotti –

Lo scenario attuale dei consumi è abbastanza favorevole ai biscotti. La colazione in casa acquista maggior spazio, anche alla luce di un comportamento di spesa più razionale da parte del consumatore, la cui disponibilità economica si è progressivamente ridotta. La penetrazione nelle famiglie è quasi capillare, la distribuzione geografica dei consumi abbastanza equilibrata e la stagionalità bassa: è evidente che solo un aumento dell'importanza della prima colazione o del break tra un pasto e l'altro può contribuire a incrementare la frequenza di consumo, la variabile su cui si può ancora lavorare per far lievitare seppur di poco i volumi. Detto questo il mercato è maturo soprattutto se consideriamo il target centrale e tradizionale che consuma i frollini o i biscotti secchi classici. Non per nulla una direzione consolidata che ha preso il mercato è quella dell'attenzione a target di consumo specifici: l'area dei biscotti speciali o free from è in effetti una di quelle che offre le maggiori opportunità di sviluppo. È indicativo per esempio il fatto che ben il 20% della popolazione ha problemi di intolleranza a uno o più alimenti che vengono consumati di norma e un'altra parte di consumatori privilegia per scelta un'alimentazione più attenta al consumo di proteine vegetali. L'altro versante su cui si sviluppa il mercato è quello dell'arricchimento. Si tratta di un'area di consumo in crescita che mira a rendere più attraente e divertente la categoria e tiene ben presente il fatto che il competitor principale dei biscotti è rappresentato dalle merendine.

Modern trade su tutto
L'approfondimento dell'offerta aumenta anche l'importanza del display come tecnica promozionale della categoria ed elemento di orientamento del consumatore, tanto più se si considera che circa l'82% dei volumi di frollini e biscotti secchi passa per il trade moderno. Una quota rilevante degli acquisti viene decisa nel punto di vendita e la profondità dell'assortimento di frollini, biscotti secchi e all'uovo sugli scaffali arriva in media negli ipermercati e supermercati a circa 130 referenze. Un altro aspetto importante è costituito dalle aspettative elevate del consumatore in termini di qualità e accettazione organolettica cui fa da contraltare peraltro la ricerca di convenienza, come dimostra la crescita delle private label, tant'è che il mercato cresce più in volume che in valore.

Il profilo del consumatore di biscotti
Penetrazione
La penetrazione dei biscotti nelle famiglie è del 97%.
Area di residenza
Le regioni settentrionali rappresentano il 52% delle vendite nel retail. Gli acquisti pro capite sono abbastanza omogenei nel centro-nord e inferiori alla media nazionale al sud.
Occasioni di consumo
L'80% dei volumi di biscotti si concentra nella prima colazione, occasione di consumo nella quale sono progressivamente aumentati i competitor.
Target
Universale ma con un approfondimento della segmentazione determinata dallo sviluppo di arricchiti e biscotti salutisti e funzionali.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here