L’Italia del beverage si sposta nella mappa

MARKUP SUPPLEMENTI – Editoriale

Di seguito il testo dell'articolo. Registrati gratuitamente per scaricare il pdf con la versione completa

Il 2008 si è chiuso come evidenziato
nelle prossime pagine con
un calo in Italia dei consumi di
bevande fuori casa accentuato
e generalizzato. Un andamento
che se non può soddisfare, ovviamente,
i pubblici esercizi che su
tali fatturati costruiscono il core
business, non rallegra neppure
l'industria che alimenta il comparto.
La ragione principale che
sta alla base del parsimonioso
atteggiamento degli italiani nei
confronti del bere quando si è
lontani da casa è nota. È collegata
al quadro psicologico del “tempo
di crisi”, per il quale ben si adatta
un atteggiamento virtuoso di
risparmio sia da parte di chi subisce
le ristrettezze dell'attuale contingenza
sia da parte di chi - pur
non dovendo - si allinea al momentum.
Il calo colpisce, in linea con
tale logica, i punti di erogazione
dedicati al tempo libero serale. Si
beve in amicizia, e se parte degli
amici non ci sono, se ne stanno a
casa anche gli altri.

Poco lascia presupporre che il
2009 segnerà un'inversione di
tendenza
. Il fatto stesso che una
parte degli esperti consideri i
prossimi mesi un possibile epicentro
della crisi economica in atto,
non getta buona luce sull'estate
in arrivo. Pare credibile che
nuovamente, magari con una
leggera contrazione delle cifre a
valore, la mattinata terrà meglio
degli altri momenti della giornata
grazie ad abitudini consolidate,
eventualmente anche soddisfatte
in ambito domestico, ma
non tutti i giorni; il pranzo manterrà
quasi invariati i suoi flussi
di traffico, a porzioni ridotte;
L'Italia del beverage
si sposta nella mappa
pomeriggio e sera nonché vending
machine saranno chiamate
a reggere, invece, la croce: in nome
del superfluo contratto.

Sembra più interessante, tuttavia,
andare a vedere cosa sta
capitando nel lungo periodo
,
perché lì è possibile riscontrare
veri cambiamenti d'abitudine.
Ebbene, l'Italia del bere è in
movimento nella mappa di posizionamento
europea. Lo rileva
una ricerca Fipe-Confcommercio,
dello scorso febbraio. Il paese
è in progressivo e costante spostamento
dal quadrante felice (per
i produttori) in cui a forti consumi
domestici corrispondono
analoghi atteggiamenti di spesa
out-of-home, verso il quadrante
sottostante, dove l'abitudine del
consumo di bevande è limitato
alle sole mura di casa. Un viaggio
iniziato nell'anno del Giubileo.
Se si guarda al rapporto domestico/
extradomestico, la penisola
saluta indici che raggruppano
i mercati mediterranei (Grecia,
Malta, Cipro, Spagna, Portogallo)
per prendere posto in un
nuovo gruppo: quello mitteleuropeo.
Senza però la gioiosità degli
austriaci (che preferiscono la compagnia
degli irlandesi, insieme ai
quali tengono alta la bandiera del
consumo al pub), senza la razionalità
del nord Europa, che preferisce
spendere in altre direzioni
merceologiche.

Alla lunga la nuova collocazione
delle abitudini d'Italia comporterà
scelte differenti dell'industria
di marca verso il paese? È
presto per dirlo, benché la prospettiva
appaia probabile e, forse,
per certi versi, già in atto.

Allegati

L’Italia del beverage si sposta nella mappa.PDF

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here