Parlano i vertici di tre grandi aziende presenti a #Brandy16. Dal caso di internazionalizzazione Kinder Joy in India, passando per l’approccio digitale di The Sub, che ha creato un modello di conversione per il marketing.

Sapete qual è il Paese in cui l’ovetto di cioccolato Kinder Joy vende di più? La risposta è India. Sapete anche come ha fatto?
Conoscete le 4 domande alle quali Nike deve sempre rispondere prima di lanciare dei progetti in rete? E quali sono i 3 step di marketing digitale che hanno portato Heineken ad aumentare le vendite di The Sub dell’80%?

 

 

Le risposte sono tutte qui, direttamente dall’evento Brandy promosso da Quintegia e andato in onda il 19 e 20 ottobre a Milano.

1Ferrero_brandyPer Ferrero “ogni prodotto è un brand”

 

 

A sottolinearlo è Lucio Gomiero, managing director Hazelnut Business Company Ferrero (in foto) che nell’azienda ha ricoperto numerosi ruoli per diverse divisioni:

Sia che si parli di Nutella, sia che si parli di Bueno, li culliamo e li gestiamo come se fossero marchi è a sé stanti

kinder joyDa qui la capacità di entrare con la referenza Kinder Joy in un mercato come l’India, competitivo (vedi Cadbury) e difficoltoso a livello climatico per il cioccolato.
La strategia di successo messa in atto? Cambio di ricetta, cambio di posizionamento con pricing premium, cambio di distribuzione con focus su piccoli negozi e shops locali, cambio produttivo con selezione di fornitori adeguati in loco.
Per un prodotto come Tic Tac, invece, che vede negli Usa il Paese numero 1 per vendite, la crescita è legata al costante lancio di nuovi aromi. In questo caso ci si concentra dunque sul cooptare con costanza i trend di lifestyle e category, agganciando veri e propri “mondi di interesse”. Si pensi al gusto Tic Tac al pop-corn, associato all’entertainment cinematografico.

2I 3 step della conversione Heineken: provare, misurare e aggiustare il tiro
The-Sub-Heineken-Edition
Heineken è un brand che vanta grande capacità di engagement e che fa del web una leva importante di comunicazione. Il caso The Sub, però, spiega come trasformare questo coinvolgimento digitale in acquisto finale.
The Sub è una design machine per spillare la birra in casa lanciata dall’azienda con l’intento di “innalzare l’esperienza di consumo domestico e mantenere vitalità nella categoria”, racconta Cristina Gusmini, group brand manager di Heineken e Desperados per l’Italia.

La strategia
Il primo anno e mezzo è stato dedicato alla creazione di awareness del prodotto, raggiunta soprattutto attraverso attività di pr e affissioni urbane di rilievo, arrivando alla creazione di un vero e proprio The Sub Store. Dopo questa prima fase, si è proceduto al racconto in rete, con il tone of voice emozionale tipico di Heineken e un focus, meno usuale, sui benefici funzionali e qualitativi del prodotto. L'approccio digitale è stato estremamente mirato e scaglionato:

  • funnel digital marketingAnalisi degli interessi del target e di occasioni-chiave legate al prodotto (es.regalo di compleanno)
  • Divisione del target in 50 micro cluster
  • Uso della tecnica ad imbuto per portare traffico sul sito, applicando retargeting in fase finale
  • Uso del giusto visual/messaggio per ogni step

Risultato? Vendite a +80%.

Non abbiate paura di essere intuitivi, l’importante è provare, misurare e poi aggiustare il tiro man mano
- Cristina Gusmini -

3Le 4 domande strategiche di Nike

“I consumatori giovani hanno un metabolismo molto veloce quando si tratta di consumo di contenuti digitali, superare la barriera dello scroll e far fermare la loro attenzione su di noi non è affatto semplice”, spiega Ambrogio Ferrario, digital brand director Southern Europe di Nike: “Per questo prima di lanciare un qualunque progetto digitale guardiamo se risponde a queste quattro domande, diventate un modus operandi obbligatorio e quasi un mantra:

  • Perché dovrebbe interessargli?
  • Perché dovrebbero cliccare?
  • Perché dovrebbero tornare?
  • Perché dovrebbero parlarne con gli amici?

Oggi i nostri competitor non sono più solo Adidas e Puma, ma player come Airbnb, che elevano le aspettative di servizio dei consumatori. È questo lo standard a cui anche noi guardiamo.

BonusPiquadro: integrare la tecnologia nel processo creativo e produttivo

piquadro“Il grande tema oggi è usare tutta questa intelligenza sullo smartphone per sviluppare nuovi prodotti connessi”, spiega Marco Palmieri, presidente e amministratore delegato di Piquadro. L’azienda italiana di prodotti di pelletteria per lavoro e tempo libero ha infatti dato vita internamente a un processo di innovazione interamente basato sull’integrazione della tecnologia nel design.
L’obiettivo “non è vestire la tecnologia, ma renderla invisibile”.
Questa la filosofia che mantiene al centro l’estetica, sfruttando tuttavia una connettività globale a basso costo.
Qualche esempio? Borse da lavoro con power bank interni per la ricarica dei dispositivi e un sistema di tracking che ci chiama immediatamente al cellulare se le lasciamo in giro. Valigie con manici che integrano la lettura del peso e la inviano sempre al telefono.
“Molti dispositivi li sviluppiamo direttamente all’interno dell’azienda. Adesso stiamo studiando uno zaino che possa fungere da navigatore attraverso la vibrazione dei due spallacci”, annuncia Palmieri.

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome