Farma.Li: alla ricerca di location remunerative

La catena, di proprietà del Comune di Livorno e aderente al circuito Alphega, ha deciso di svilupparsi nei centri commerciali urbani per raggiungere una clientela più vasta e trasformarsi in centri polifunzionali per la salute (da Mark Up n. 273)

Sono già due (una terza seguirà a breve) le farmacie aperte all’interno di centri commerciali urbani da parte di Farma.Li, catena di proprietà del Comune di Livorno, con una rete di 9 farmacie e anche in partnership con il network europeo di farmacie indipendenti Alphega Pharmacy, di proprietà di Alliance Healthcare. Due le ragioni alla base del consolidamento di questa presenza: da un lato, la maggior disponibilità di spazi per singolo esercizio commerciale, rispetto a quelli nei centri cittadini, un aspetto che consente di implementare proposte merceologiche e di servizio in maniera più ampia e profonda; dall’altro, la possibilità di allargare il bacino dei clienti, avvicinando anche i consumatori, mediamente più giovani, che visitano abitualmente questi luoghi. Di questo e altro abbiamo parlato con Gino Scali, direttore generale del gruppo.

 

 

Perché avete scelto di aprire vostre farmacie in centri commerciali urbani?

Il progetto, almeno all’inizio, è nato semplicemente perché eravamo alla ricerca di locali più grandi, dato che le due farmacie in questione avevano aree di vendita piuttosto ridotte. Ci si è presentata l’occasione di espanderci all’interno di due shopping mall e l’abbiamo colta al volo. La scelta si è presto rivelata interessante, dato che sia noi sia le strutture che ci ospitano stiamo traendo vantaggi reciproci: entrambi vediamo crescere il numero di clienti, grazie al fatto che attraiamo target diversi.

 

 

Una strategia di sviluppo che pensate di replicare?

Alla luce dei risultati conseguiti, intendiamo portare avanti questa sinergia fra farmacia e mall: abbiamo già pianificato una nuova apertura dentro il centro che Esselunga sta realizzando nella nostra città (ndr Livorno).

Quali sono le caratteristiche del format lanciato in queste strutture commerciali?

Le nuove farmacie -una aperta nel centro Pam Panorama di via Saragat 8, l’altra nel centro Coop La Rosa di via Settembrini-, si qualificano, prima di tutto, per la superficie di vendita, raddoppiata rispetto al passato: la prima farmacia è passata da 80 a 160 mq, mentre la seconda da 140 a circa 300 mq. Spazi più grandi, quindi, per intercettare il pubblico, potenzialmente più vasto, che può recarsi nelle due farmacie, grazie anche all’estensione del parcheggio di cui, invece, non potevamo usufruire nel centro città. Inoltre, entrambe le farmacie sono a fianco dell’ingresso del supermercato, posizione che concorre a generare maggior traffico nelle nostre strutture. Ci tengo a sottolineare che i due centri sorgono in quartieri urbani, sono cioè raggiungibili non solo con i mezzi, ma anche a piedi, un aspetto che consente di mantenere inalterata la funzione delle farmacie quale struttura di prossimità, facilmente accessibile per la comunità.

Avere più metri lineari a disposizione della farmacia cosa ha comportato?

Ha permesso di accrescere l’offerta sia di servizio sia di prodotto, pensata anche per soddisfare i bisogni di salute della clientela di quella specifica location. In quest’ottica, abbiamo aumentato l’assortimento nei settori più commerciali, sviluppando principalmente integratori alimentari (la merceologia che cresce maggiormente), cosmesi, veterinaria e articoli sanitari. Il tutto, naturalmente, affiancato dalla più ampia selezione possibile di farmaci etici.

Commercializzate anche prodotti a marchio?

Farma.Li fa parte del circuito di farmacie indipendenti Alphega, per cui trattiamo anche i marchi commerciali distribuiti da questa catena virtuale, come Alvita, che include articoli per uso chirurgico, diagnostico, ortopedico e per la salute e l’igiene quotidiana, e come Boots Laboratories, focalizzata invece sulla cura della pelle. Parliamo chiaramente di referenze che coniugano qualità e prezzo, elementi appealing per il cliente. Inoltre, periodicamente, facciamo anche delle operazioni promozionali, veicolate principalmente tramite volantino, non solo sui nostri prodotti a marchio ma anche su alcune gamme di brand industriali. In più, per tutti i clienti possessori della nostra carta fedeltà, sviluppata per Farmacie Comunali Livorno da Alphega, sono disponibili in maniera costante sconti e promo dedicate. In generale, tutte le attività di natura commerciale (dalle promo alle attività di loyalty) sono curate da Alphega, un approccio che ci ha permesso di crescere molto sul fronte della comunicazione al cliente, ambito su cui avevamo meno competenze specifiche.

Avete attivato offerte ad hoc per i clienti delle farmacie in questi centri commerciali urbani?

Abbiamo sviluppato qualche iniziativa legata alla gamma di servizi, per esempio proponendo giornate di screening gratuite. Oltre a ciò, nelle due farmacie presenti in queste strutture, così come in tutta la nostra rete (laddove le dimensioni lo consentano) abbiamo ricavato postazioni ad hoc per effettuare consulenze specifiche, piuttosto che autoanalisi o il controllo della pressione, arricchendo quindi il range di servizi. L’obiettivo, in questo senso, è di trasformare progressivamente le nostre farmacie in centri polifunzionali.

Ci spiega meglio questo concetto?

Secondo noi, l’evoluzione del canale deve passare dallo sviluppo di format polivalenti che possano trasformare le farmacie in veri e propri presidi sanitari, e che concorrano a decongestionare le strutture ospedaliere, sia assumendosi nuovi compiti assistenziali sia attivando ulteriori servizi, dal ritiro dei referti alla telemedicina.

Il focus sul servizio include il supporto online del paziente?

Stiamo muovendoci anche in questa direzione: in primo luogo abbiamo un sito internet continuamente aggiornato, sia con le nostre ultime novità che con contenuti legati al mondo dell’healthcare. Inoltre, chi ha la fidelity card può ricevere, previo consenso, costanti informazioni sulla nostra rete di farmacie, consultabili tramite app, email o anche sms.

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome