Zara, Ortega controlla immobili per 6 miliardi

La crisi, che colpisce anche se non soprattutto il tessile-abbigliamento, fa un baffo ad Amancio Ortega, fondatore di Zara, che, oltre ad essere il secondo uomo più ricco del mondo, ha accumulato un patrimonio immobiliare di oltre 6 miliardi di euro.

Amancio Ortega, l'ottantenne fondatore di Inditex, la società del tessile-abbigliamento che controlla un impero distributivo plurimarca del quale Zara è l'insegna più famosa e diffusa, detiene anche un potentato immobiliare il cui valore è stimato in circa 6 miliardi di euro (+8,3% rispetto al 2014), secondo quanto riportato dalla stampa spagnola. Questi asset sono in capo alla società Pontegadea Inmobiliaria.
Ortega, che, stando alla classifica Forbes, è l'uomo più ricco del mondo a poche incollature da Bill Gates, con un patrimonio personale vicino agli 80 miliardi di euro, ha collocato una cospicua parte dei suoi beni e investimenti nella holding Pontegadeo Inversiones ai cui vertici stanno lui e la moglie Flora Perez.
Questa holding detiene il 50% delle quote Inditex e ha registrato un utile di 810 milioni di euro nel 2015, con un incremento del 5,2% rispetto all'anno precedente.

Amancio Ortega, fondatore di Inditex (Zara)
Amancio Ortega, fondatore di Inditex (Zara). Secondo Forbes è il secondo uomo più ricco del mondo: quasi 80 miliardi di dollari di patrimonio personale.

Secondo la Reuters, nel portafoglio immobiliare di Ortega si trovano, fra gli altri, la Torre Picasso a Madrid, gli uffici in Mayfair a Londra, immobili in Oxford Street, e l'edificio EV Haughwout a Soho-New York.
Gli immobili in proprietà vengono affittati prevalentemente ai marchi Inditex (i più noti dei quali sono Zara, Zara Home, Bershka, Pull & Bear, Stradivarius, Massimo Dutti) ma anche ad altri retailer concorrenti come H&M e Gap.

Il gruppo guidato dal presidente Pablo Isla ha realizzato nel 2015 vendite nette pari a 21 miliardi di euro: il 65% (circa 13,6 miliardi) escono dalle casse dei 2.162 punti di vendita Zara (su totali 7.013). Ogni 10 euro di fatturato 6 vengono dai negozi in Europa e Spagna che insieme persano il 62% delle vendite nette. Inditex ha chiuso il 2015 con un Ebitda di 4.699 milioni di euro e un Ebit di 3.677 milioni di euro. Il net profit è di 2.882 milioni di euro.

Fra le novità di Inditex: da ottobre tutti gli acquisti online sulle differenti insegne del gruppo, a partire dalla Spagna, dovranno abilitarsi al pagamento "mobile" (con smartphone). Il sistema verrà poi esteso alla rete fisica.

No items found

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome