Linkontro Nielsen 2016: il largo consumo di oggi e domani

Identikit del consumatore e del mercato della gdo, tra nuove esigenze e trend d’acquisto, promozioni e comunicazione.

Appuntamento annuale con Linkontro Nielsen, che per il 2016 traccia un esaustivo quadro del largo consumo italiano, tra dinamiche attuali e prospettive future. Questi alcuni dei principali risultati emersi alla conferenza stampa d'apertura con l'Ad Nielsen Italia Giovanni Fantasia e il Retailer Director Romolo De Camillis:

  • La fiducia degli italiani è altalenante, ma guardando al primo trimestre 2016 si registra un trend positivo a quota 59 punti (+2 punti rispetto al primo trimestre del 2015). Al confronto con la media europea abbiamo maggiori margini di recupero, probabilmente anche a causa di un atteggiamento culturale italiano più cauto nei confronti in termini di ottimismo.
    fiducia
  • Il consumatore italiano mantiene come prima preoccupazione il lavoro, nell'ambito di un contesto dove si continua a fare attenzione alle spese e il tema del risparmio resta ancora centrale. Nel complesso, comunque, l’atteggiamento di rinuncia si stempera con ritorno a livello 2010.
    preoccupazioni
  • A livello di mercato le vendite della distribuzione al dettaglio calano nei primi quattro mesi dell’1,1%, rispetto al +0,1% fatto segnare nel 2015. La spesa delle famiglie, va poi evidenziato, nel complesso non cambia, ma la variazione zero nasconde in realtà una forte disparità in termini geografici, anagrafici e di reddito.
    differenziazioni
  • Alcuni trend di prodotto emergono come sinonimo di crescita e successo, uno su tutti il fresco, soprattutto se sfuso confezionato, ma lo stesso discorso vale per salutismo e naturalità.
    al top fresco confezionato
  • L'efficacia delle promozioni continua a calare e sembra trovare i retailer con maggior consapevolezza d'uso. Si è capito, in sostanza, che le promozioni si devono fare, ma che si possono fare meglio e in modo più mirato.
    promozioni_chiedono di cambiare

“La ripresa c’è stata, anche se non forte in termini di segnali. Il 2016 si prospetta sostanzialmente stabile”, sottolinea Fantasia, aprendo a uno scenario dove l'innovazione di quelle insegne pronte a investire sulle nuove esigenze del consumatore diventa un must distintivo e premiante.

L'approfondimento completo sul prossimo numero di Mark Up n.250 - giugno.

No items found

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome