Bonazza, investimento di 2 mln sul salumifico Becher

Ampliato uno dei due stabilimenti di Ponzano Veneto, nel Trevigiano. Il progetto di sviluppo riguarda le celle di stagionatura e affumicatura, la cui superficie produttiva è stata aumentata di oltre 1500 metri quadrati

Il Gruppo Bonazza investe 2 milioni di euro nel salumificio Becher, cifra destinata all'ampliamento di uno dei due stabilimenti di Ponzano Veneto, nel Trevigiano. In particolare, il progetto di sviluppo riguarda le celle di stagionatura e affumicatura, la cui superficie produttiva è stata aumentata di oltre 1500 metri quadrati. L'impianto è in grado di sostenere una produzione del comparto stagionato di 1.500 quintali a settimana rispetto agli 800 precedenti. In relazione all’ampliamento della nuova struttura e all'acquisto di macchinari tecnologici è si è reso necessario provvedere anche nuove assunzioni. Ad oggi le aree produttive del Gruppo contano circa 28.000 metri quadrati di superficie con un organico di 200 lavoratori tra impiegati e collaboratori esterni.

Becher è leader nella produzione di salumi in Veneto e ha chiuso il 2018 con un fatturato di 34 milioni di euro con un incremento del 3% rispetto all'anno precedente. La Società Bonazza, fondata da Angelo Bonazza, opera nel settore alimentare dal 1968 e la produzione comprende una vasta gamma di prodotti crudi e cotti, tra cui: speck e pancette, würstel, prosciutti cotti, arrosti e prodotti tradizionali. Nel 2006 viene acquisito il salumificio Becher che ha permesso di ampliare considerevolmente la proposta, dando così a Bonazza la possibilità aggiungere all'assortimento anche diverse tipologie di salami e salsicce, nonché prodotti in atmosfera protettiva, dai dadini di pancetta, a quelli di speck e di cotto.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome