La Camera dei Deputati ha appena approvato, con voto di fiducia, la legge di conversione del decreto-legge Agosto, che sarà pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale di domani.

 

 

Questo decreto prevede, all’articolo 110, la possibilità di rivalutare, anche singolarmente, beni e partecipazioni risultanti dal bilancio dell’esercizio in corso al 31 dicembre 2019, con esclusione degli immobili merce. La norma prevede la possibilità di effettuare l’operazione a costo zero, ottenendo una rivalutazione con rilevanza esclusivamente civilistica e contabile, ovvero pagare un’imposta sostitutiva delle imposte sui redditi e dell’Irap con aliquota ridotta al 3%, acquisendo in tal modo anche il riconoscimento fiscale dei maggiori valori.

La rivalutazione, inoltre, può essere effettuata distintamente per ciascun bene. Il maggior valore è riconosciuto ai fini fiscali a partire dall’esercizio successivo a quello con riferimento al quale la rivalutazione è eseguita, con possibilità di determinare le quote di ammortamento sui valori rivalutati già dall’esercizio 2021 nell’ambito della dichiarazione modello Redditi 2022.

 

 

"Si tratta di una disposizione molto rilevante -commenta Marco De Vincenzi, Presidente Comitato Retail di Confindustria Assoimmobiliare- con impatti sul miglioramento del rating bancario e sulla possibilità di accedere più agevolmente a prestiti e finanziamenti. Si tratta anche di una norma proposta da Assoimmobiliare e sostenuta dal Consiglio nazionale dei centri commerciali (Cncc) al Governo sin dal mese di aprile scorso, che quindi vediamo approvata oggi in via definitiva con grande soddisfazione".

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome