Ceta: boom di eccellenze romagnole esportate in Canada

Durante la missione della Regione Emilia-Romagna in Canada,  nell’ambito della Settimana della cucina italiana nel mondo, si è svolto a Ottawa l’incontro tra l’assessore regionale all’Agricoltura Simona Caselli e i ministri dell’Agricoltura e del Commercio internazionale Lawrence MacAulay e Jim Carr, nel corso del quale sono emersi alcuni dati riguardanti le esportazioni dell’Emilia-Romagna verso il Canada.

 

 

Sono dodici, attualmente, i prodotti emiliano-romagnoli a indicazione geografica inclusi nell’accordo Ceta tra Ue e Canada. Sette le Dop: Aceto balsamico tradizionale Modena, Culatello di Zibello, Parmigiano Reggiano, Grana Padano, Prosciutto di Parma, Prosciutto di Modena, Provolone Valpadana. Cinque i prodotti Igp: Aceto balsamico Modena, Cotechino Modena, Mortadella Bologna, Pesca e Nettarina di Romagna, Zampone Modena. Questi prodotti rappresentano il 92% del totale dell’export emiliano-romagnolo di prodotti Dop e Igp in Canada. Oltre 106 milioni di euro il valore dell’export agroalimentare emiliano-romagnolo a fine 2017 (+14,3% rispetto al 2016), in crescita nei primi sei mesi del 2018  del 5,7%.

L’incontro è stato anche l’occasione per fare un bilancio del primo anno di applicazione transitoria del Ceta, che introduce il riconoscimento e la tutela di diversi prodotti europei a indicazione geografica.  Con un’attenzione particolare alle possibilità di estendere ulteriormente il paniere  di prodotti Dop e Igp emiliano-romagnoli che potrebbero trovare uno sbocco in Canada.

Tra i prodotti emiliano-romagnoli che trovano un buono sbocco commerciale in Canada anche il vino: l’Emilia-Romagna è infatti la terza regione esportatrice per volumi.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome