Gli opinionisti di Mark Up – Roger Botti

Effetti del brand sul banco della frutta - di Roger Botti direttore creativo RobilantAssociati (da Mark Up n. 253)

Botti_fotoLa frutta è considerata un prodotto commodity.  Di  recente  però  la  consapevolezza  alimentare  dei  consumatori,  l’attenzione  rivolta a origine e produzione e l’attenzione verso la qualità offerta dai diversi canali di vendita, stanno ridisegnando lo scenario creando un crescente bisogno di marche affidabili. Il nuovo contesto offre ai produttori l’opportunità di costruire valore raccontando l’unicità del proprio prodotto e spostando la competizione dalla leva del prezzo; contemporaneamente però il netto vantaggio della gdo in termini di vendite rende difficile investire appieno sulle potenzialità della propria marca. Due casi ci mostrano strategie differenti. Orsero da realtà della distribuzione ortofrutticola fresca si è affermato come sinonimo di frutta di alta gamma nei canali trade più vicini al consumatore per approdare con maggior forza in gdo. Mercati rionali e negozi di prossimità rappresentano, infatti, un  canale  frammentato  e  difficile  da  presidiare,  ma  offrono  spazi di visibilità meno costosi rispetto alla gdo e restano una scelta “di qualità” per molti consumatori. Valvenosta, invece,  da  produttore  di  mele  affermato,  decide  di  rafforzare  il  proprio  vantaggio  competitivo  proprio  a  partire  dal  canale  moderno, investendo sulla propria marca per affermare i valori che gli appartengono da sempre ma che non erano ma stati adeguatamente espressi: i primi ad applicare la lotta integrata, un territorio igp (non solo “Alto Adige”) e l’impegno delle persone. Il canale eCommerce modificherà ancora questo scenario. Attori come Cortilia o Amazon avanzano rapidamente: diventeranno a loro volta marche garanti o i consumatori privilegeranno ancora la credibilità dei produttori?

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome