Salumi italiani in corsa verso la sostenibilità d’impresa

L’Istituto Valorizzazione Salumi Italiani nuovamente protagonista al Salone della CSR e dell’innovazione Sociale

L’Istituto Valorizzazione Salumi Italiani nuovamente protagonista  al Salone della CSR e dell’innovazione Sociale, evento organizzato a Milano da Università Bocconi. Per la sua terza partecipazione l'Ivsi farà parte di una programmazione completamente digitale. I vari convegni saranno infatti tutti trasmessi (29-30 settembre) in live streaming  sul portale del Salone all’indirizzo http://www.csreinnovazionesociale.it/.

 

 

L’Istituto si è vista riconosciuta la forte vocazione ai temi della sostenibilità, concretizzata in un Manifesto dei Valori. Prima di vedere la luce, quel iter di lavoro durò ben due anni. Ora è il momento di raccontare il percorso fatto e soprattutto illustrare cosa succederà nel prossimo futuro. Francesco Pizzagalli, il presidente dell'Istituto, sarà relatore al panel “Quando la filiera agroalimentare è sostenibile”. Vi presenterà la seconda fase del percorso dell’Istituto verso la sostenibilità, che adesso diventa un vero e proprio cambio di rotta per le aziende del settore che vi aderiscono. È un modo per aiutare le imprese ad affrontare il cambiamento nelle intyenzioni dell'Ivsi. Come? Proponendo un nuovo modello di business che non potrà essere più legato solo al prodotto, ma che necessita di una visione più ampia dietro cui ci deve essere attenzione al territorio, all’ambiente, alla tradizione, alle persone, e alla sostenibilità.

Da qui la presentazione di un processo di formazione, per creare quella cultura della sostenibilità e formare figure professionali che avranno le conoscenze per applicarla in concreto. Si tratta di una realizzazione che vede coinvolta Nativa, agenzia che da anni è a fianco delle imprese nello sviluppo di modelli e progetti di sostenibilità. Le aziende che sono già Consorziate IVSI e tutte quelle che vorranno aderire all’Istituto avranno la possibilità di partecipare al programma Measure What Matters (Misura ciò che conta). Gli strumenti di misurazione sono quelli delle B Corp, aziende che rispettano i migliori standard di sostenibilità al mondo, sulla base delle metodologie sviluppate da B Lab, ente no profit di cui Nativa è country partner per l’Italia.

 

 

Quando la filiera agroalimentare è sostenibile
(30 settembre, 9.00-10.30)

La filiera agroalimentare sostenibile è un ecosistema composto da tanti attori e molte professionalità diverse che si distinguono per l’attenzione alle esigenze ambientali di salvaguardia delle risorse e di sviluppo equilibrato del territorio e alle esigenze sociali tutela della salute e dei diritti dei lavoratori. Saranno presentate le esperienze di alcune imprese che hanno saputo coniugare sostenibilità, innovazione, competitività.

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome