Documenti digitali nel largo consumo, in crescita la qualità dell’Edi

Il Monitoraggio dell'uso dell'Edi nel largo consumo in Italia fotografa una crescita ed espansione degli standard Gs1 e l'incremento dei messaggi scambiati nel circuito Euritmo

I rapporti tra produttori, distribuzione e operatori logistici possono diventare più efficienti nel momento in cui poggiano su sistema di interscambio di documenti digitali (Edi, Electronic Data Interchange), che è in costante crescita anche nel 2019, come attesta il "Monitoraggio dell'uso dell'Edi nel largo consumo in Italia", realizzato da Gs1 Italy con la collaborazione con la School of Management del Politecnico di Milano.

 

 

Sono 19mila le aziende che hanno utilizzato l'Edi, +19% rispetto all'anno precedente, mentre i documenti gestiti sono cresciuti del 14%. Tra i documenti più utilizzati in formato digitale ci sono le fatture, che pesano il 23% del totale, con 55 milioni di scambi, ma sono le conferme d'ordine e gli avvisi di spedizione ad aver segnato le crescite più significative con un +13% e +9%.

Crescono gli interscambi con standard Gs1 nel largo consumo

Se guardiamo il settore del largo consumo il 2019 ha toccato un nuovo record (+15%) con 64,8 milioni di messaggi in standard Gs1 e una crescita ancora più consistente, del +42%, con 37,3 milioni, nel circuito Euritmo, la soluzione web-Edi studiata da Gs1 Italy per lo scambio elettronico dei documenti commerciali in ambito business to business.

Trend dei messaggi Gs1 Edi scambiati nel largo consumo 2014-2019

numero ediMeno aziende su Euritmo ma i messaggi sono in crescita

Nel 2019 Euritmo è stato adottato da 3.621 imprese tra produttori (3.215), retailer (405) e operatori logistici (1). in calo rispetto al 2017 e al 2018, ma in parte anche risultato di un consolidamento del settore.

numeri edi euritmoQuanto ai messaggi gestiti secondo gli standard Gs1, la fattura (Invoic) resta la principale con 16,5 milioni di messaggi, confermandosi il documento d’ingresso nell’ecosistema Euritmo.

Il secondo tipo di documento gestito con quasi 14 milioni di messaggi è l’inventario (Invrpt), che cresce di +14%, mentre il Desadv (l’avviso di spedizione) di ben +36% arrivando a quasi 12 milioni di messaggi. Da segnalare l’aumento annuo di +18% dei messaggi inviati a Unb esterni (punti di ricezione codificati), che hanno raggiunto quota 18,6 milioni.

messaggi edi euritmoMassimo Bolchini GS1"Abbiamo visto consolidarsi alcuni indicatori -dice Massimo Bolchini, standard development director di GS1 Italy-  e crescere la qualità delle relazioni tra imprese, con chiare prospettive di sviluppo nell’area logistica e con il coinvolgimento di altri settori, come il foodservice. Gs1 Italy continua a promuovere i benefici di Euritmo e ad ampliare la gamma degli strumenti disponibili per la filiera del largo consumo. Altrettanto importante è stabilire contatti con nuovi provider interessati alla certificazione, come i due operatori internazionali che stanno progettando l’ingresso nel mercato italiano".

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome