Il ruolo del pesce nei piatti ready-to-eat

Analisi Regnoli-Medusa dedicata ai soli retailer sugli aspetti consolidati della gestione dei piatti pronti freschi all’interno dei reparti di riferimento della shopping experience (da Mark Up n. 281)

I piatti pronti al consumo sono sempre più un must nella distribuzione moderna. Perché fanno la differenza all’interno dei reparti freschi. E costituiscono uno dei pilastri su cui costruire una seconda vita per l’offerta dei freschi (grazie alla cucina interna, in diffusione crescente) e su cui impostare una consumazione anche direttamente nel punto di vendita, alternativa allo scaldare in forno a casa per un pasto pronto rapido.

All’estero i pdv della gdo accolgono i clienti con aree dedicate al ready-to-eat soprattutto di piatti pronti freschi: un assortimento da mangiare, poi, in ufficio o a casa, oppure da consumare all’interno del punto di vendita, negli appositi spazi di ristorazione. Un modello alimentare (prima ancora che distributivo) che si sta affermando ora in Italia, ormai più vicina agli stili di alimentazione del resto d’Europa. Un fenomeno che balza agli occhi non solo negli store di vicinato, nelle aree urbane e centrali (laddove si concentrano uffici e luoghi di lavoro), ma che si è diffuso anche negli ipermercati più grandi e periferici.

Accesso riservato

Questo contenuto è riservato agli abbonati alla rivista.

Se sei abbonato, fai per visualizzare il contenuto, altrimenti abbonati

Sei abbonato a Mark Up ma non hai mai effettuato l'accesso al sito?
Registrandoti qui con la stessa e-mail utilizzata per la sottoscrizione del tuo abbonamento, entro 24 ore verrai abilitato automaticamente alla consultazione di tutti i contenuti riservati agli abbonati.

Per qualsiasi problema scrivi a abbonamenti@newbusinessmedia.it

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome