Ilpa premiata da conai per la sostenibilità ambientale

L’impegno del gruppo Ilpa per la ricerca di soluzioni sostenibili e la riduzione dell’impatto ambientale ha ottenuto il riconoscimento di Conai – Consorzio Nazionale imballaggi, che mercoledì 15 novembre ha premiato 86 casi di ecodesign nel packaging nell’ambito del Bando Prevenzione 2017.

 

 

“Siamo orgogliosi del riconoscimento ricevuto da Conai – ha commentato Riccardo Pianesani, amministratore delegato del Gruppo Ilpa. Questo risultato testimonia il nostro impegno nel fornire soluzioni di packaging sostenibili, un percorso che portiamo avanti da anni e che continueremo a seguire consci della responsabilità che il nostro ruolo di produttori di imballaggi plastici comporta”.

Il progetto premiato è il portavasi Sunnyone in r-PET di Amp, azienda appartenente al Gruppo Ilpa che si occupa di ortoflorovivaismo. Ideali per coltivazione e trasporto, i portavasi Sunnyone sono realizzati in materiale riciclato, garantendo al contempo brillantezza e maggiore resistenza rispetto all’uso del polistirolo. L’impilabilità del portavasi Sunnyone garantisce inoltre un vantaggio logistico, con un maggior numero di pezzi caricati su un singolo pallet e maggiore velocità delle macchine.
L’imballaggio rappresenta anche un esempio di realizzazione del ciclo chiuso del PET all’interno del gruppo Ilpa, che grazie alle sue aziende Amp, Mp3 e ILIP gestisce interamente le fasi di lavaggio, selezione e macinatura delle bottiglie post-consumo, di estrusione delle scaglie e termoformatura di un nuovo imballaggio in r-PET.

La riduzione dell’impatto ambientale dovuto al nuovo design e all’utilizzo di materiale riciclato è stato misurato attraverso l’Ecotool, lo strumento di Conai per valutare la sostenibilità degli imballaggi: rispetto alla soluzione precedente, il portavasi Sunnyone consente di risparmiare il 30% delle emissioni di gas che contribuiscono all’effetto serra congiuntamente alla CO2, e il 20% di energia.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome