Marketing in cerca di una migliore reputazione

Un futuro più rilevante per la disciplina passa attraverso la sostenibilità secondo i risultati della ricerca presentata dalla Società Italiana di Marketing

Il marketing serve per la reputazione di brand, aziende e persone, ma qual è la reputazione del marketing stesso? Questa la domanda cui si è proposta di rispondere l'indagine presentata nel corso dell’evento annuale promosso dalla Società Italiana di Marketing e svolta da Liuc – Università Cattaneo intervistando imprenditori, manager e consumatori.

 

 

Più rilevanza per una crescita sostenibile

In termini di organizzazione aziendale, gli intervistati rilevano che il marketing non riveste ancora un ruolo primario in azienda. Una strada possibile per migliorare questo status guardando al futuro è ancora una volta la sostenibilità, ovvero la scelta di mettere "l'arte del vendere" al servizio di una crescita che non sia a qualunque costo, ma che consideri tutte le esternalità negative (ambiente, società, ecc.).

 

 

Come sottolinea commentando i risultati della ricerca la professoressa Chiara Mauri, vicedirettore della Scuola di Economia e Management della Liuc: "Il marketing è ritenuto importante nella vita delle persone e potenzialmente in grado di migliorarla. Di contro, è rilevata un’assenza del marketing ai tavoli dei decisori sui grandi temi. Ci siamo chiesti il perché e riteniamo che uno dei problemi risieda nell’attribuzione ai marketing manager di competenze specifiche limitate".

Un altro problema che emerge è lo scarso coinvolgimento degli esperti di marketing da parte dei media nel commento di fatti importanti. Questo anche in virtù dell’idea che si tratti di una disciplina che vive di opinioni e non di contributi supportati da dati. Anche sui social media emerge ancora in buona parte la percezione di una reputazione negativa del marketing, questione che si lega in parte all'erronea credenza del post come contenuto creato rapidamente e senza programmazione, ovvero privo di una vera professionalità alle spalle (uno dei falsi miti più comuni sul social media marketing).

Il 28% dei consumatori che hanno risposto alla survey in collaborazione con Ipsos (equamente ripartiti per età e provenienza geografica) afferma infine che il marketing si occupa essenzialmente di soldi, ovvero che è una mera strategia di vendita.

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome