Rete unica, accordo Tim Coldiretti per portare la banda larga nelle campagne

Tim si impegna a investire anche nelle aree economicamente meno vantaggiose. Prossimo step individuare i primi 10 distretti agricoli e agroindustriali in cui intervenire

Il superamento delle disparità nella digitalizzazione tra aree urbane e rurali è ormai un’urgenza per mantenere la competitività del settore agricolo. Per questo motivo Coldiretti e Tim hanno sottoscritto un piano strategico per portare la banda larga nelle aree rurali.

 

 

Banda larga e 5G nell'accordo tra Coldiretti e Tim

“Questo piano rappresenta una grande opportunità di far crescere tutte le aree agricole e agroalimentari del paese portando prima la banda larga e, contestualmente o subito dopo, nelle aree a maggiore sviluppo il 5G –commenta a caldo in anteprima per Mark Up Ettore Prandini, presidente di Coldiretti–. La digitalizzazione è ormai uno strumento competitivo per le aziende agricole per la raccolta dati con la blockchain, per consentire l’utilizzo dei droni per trattamenti fitosanitari ad hoc e adottare tutte le soluzioni proposte dall’agricoltura di precisione. Questa infrastruttura serve inoltre alle aziende per sviluppare anche piattaforme eCommerce e per sviluppare il turismo enogastronomico anche nelle aree interne. Grazie a questa intesa con Tim tutto ciò sarà possibile”.

 

 

Si procederà partendo dalle aree dove si concentrano il maggior numero di imprese per arrivare a una copertura su tutto il territorio nazionale. “Stiamo già individuando 10 distretti agricoli e agroalimentari –precisa Prandini– dove portare la banda larga lungo tutta la Penisola, anche al Sud. Prossimamente faremo un incontro pubblico per annunciarli”.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome